Marciume radicale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Per marciume radicale si intende una malattia causata da funghi, batteri o nematodi che colpisce l’apparato radicale delle piante. L’attacco degli agenti patogeni provoca la disgregazione degli organi della pianta deputati all’assorbimento e conduzione delle sostanze nutritive. La pianta va incontro a deperimento più o meno generalizzato. I deperimenti delle piante possono consistere nella morte di rami o branche e possono predisporre le stesse ad attacchi di parassiti secondari. È una malattia che può essere causata da agenti polifagi che attaccano numerosi generi di piante.

Tra i Basidiomiceti i marciumi radicali sono provocati da:

Tra gli Ascomiceti si ricordano:

Tra gli Oomiceti si ricordano:

  • Mal dell’inchiostro del castagno e marciume da Phytophthora spp.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

M. Ferrari, A. Menta, E. Marcon, A. Monterini Malattie e parassiti delle piante da fiore, ornamentali e forestali, Edagricole, 2001