Marcello Mimmi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Marcello Mimmi
cardinale di Santa Romana Chiesa
Foto papa giovanni.jpg
Marcello Mimmi (a sinistra) in udienza da papa Giovanni XXIII
CardinalCoA PioM.svg
Per visibilia et invisibilia
Incarichi ricoperti Vescovo di Crema
Arcivescovo di Bari e Canosa
Arcivescovo di Napoli
Nato 18 luglio 1882, Poggio di Castel San Pietro
Ordinato presbitero 23 dicembre 1905
Consacrato vescovo 25 luglio 1930 dal cardinale Giovanni Battista Nasalli Rocca di Corneliano
Elevato arcivescovo 31 luglio 1933
Creato cardinale 12 gennaio 1953 da papa Pio XII
Deceduto 6 marzo 1961, Roma

Marcello Mimmi (Castel San Pietro Terme, 18 luglio 1882Roma, 6 marzo 1961) è stato un cardinale e arcivescovo cattolico italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nacque a Poggio Piccolo di Castel San Pietro il 18 luglio 1882.

Ordinato sacerdote a Bologna il 23 dicembre 1905, fu assegnato alla parrocchia di San Martino. Nel corso della prima guerra mondiale, nel luglio 1916 indossò la divisa militare e venne assegnato a Servigliano, per attendere all'assistenza spirituale dei prigionieri di guerra. Congedato dall'esercito, nel gennaio 1919 fu nominato da papa Benedetto XV rettore del seminario interdiocesano per l'Emilia e la Romagna.

Nominato vescovo di Crema il 30 giugno 1930, ricevette l'ordinazione episcopale il 25 luglio 1930 dal cardinale Giovanni Battista Nasalli Rocca di Corneliano (co-consacranti i vescovi Ettore Lodi e Giovanni Franzini). Si meritò l'appellativo di "vescovo dei poveri", per la particolare sensibilità dimostrata verso i meno abbienti.

Il 31 luglio 1933 fu nominato arcivescovo di Bari e Canosa. Lasciando Crema, donò ai poveri il proprio anello episcopale.

Durante il ventennale episcopato barese, accrebbe il numero delle parrocchie, intensificò l'assistenza morale e l'istruzione religiosa della popolazione, svolse corsi di missioni, indisse congressi eucaristici e settimane per i giovani, per le donne e per gli uomini. Convinto sostenitore dell'azione ecumenica della Chiesa, ospitò a Bari la settimana "Pro Oriente cristiano", per cui fu nominato vice presidente dell'Azione Cattolica Italiana per l'Oriente cristiano. Durante la Fiera del Levante del 1935, ospitò la XIII Settimana di studi missionari. Promosse la fondazione del patronato ACLI, dell'Opera Nazionale Assistenza Religiosa Morale Operai (ONARMO), dell'ACAI, del Centro Italiano Femminile (CIF) e di altre istituzioni a carattere sociale e assistenziale. Fu molto vicino all'attività della FUCI.

Il 30 agosto 1952 fu nominato arcivescovo di Napoli.

Papa Pio XII lo elevò al rango di cardinale nel concistoro del 12 gennaio 1953.

Il 15 dicembre 1957 fu chiamato a reggere la Sacra congregazione concistoriale. Il 9 giugno 1958 fu nominato cardinale vescovo di Sabina e Poggio Mirteto con vescovo ausiliare Jolando Nuzzi.

Partecipò al conclave del 1958 che elesse papa Giovanni XXIII.

Morì il 6 marzo 1961 all'età di 78 anni.

Le sue spoglie riposano nella concattedrale di Magliano Sabina.

Genealogia episcopale[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Genealogia episcopale.

Successione apostolica[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Successione apostolica.

Fonti[modifica | modifica sorgente]

Successioni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Vescovo di Crema Successore BishopCoA PioM.svg
Giacomo Montanelli 30 giugno 1930 - 31 luglio 1933 Francesco Maria Franco
Predecessore Arcivescovo di Bari e Canosa Successore ArchbishopPallium PioM.svg
Augusto Curi 31 luglio 1933 - 30 agosto 1952 Enrico Nicodemo
Predecessore Arcivescovo di Napoli Successore ArchbishopPallium PioM.svg
Alessio Ascalesi 30 agosto 1952 - 9 giugno 1958 Alfonso Castaldo
Predecessore Cardinale presbitero di San Callisto Successore CardinalCoA PioM.svg
Alessio Ascalesi 12 gennaio 1953 - 9 giugno 1958 Alfonso Castaldo
Predecessore Cardinale vescovo di Sabina e Poggio Mirteto Successore CardinalCoA PioM.svg
Adeodato Giovanni Piazza 9 giugno 1958 - 6 marzo 1961 Giuseppe Antonio Ferretto

Controllo di autorità VIAF: 13112579 LCCN: nr97043107