Marcello Messori

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Marcello Messori (Biella, 7 luglio 1950) è un economista italiano.


Biografia[modifica | modifica sorgente]

Dopo aver conseguito due lauree in materie economiche e sociali (Università di Torino 1973 e di Trento 1975), dall’a.a. 1978-79 è stato docente in varie Università italiane. In particolare, come professore ordinario, ha insegnato presso l’Università di Cassino e presso l'Università di Roma "Tor Vergata". Dall’a.a. 2012-13, insegna alla LUISS[1] Guido Carli di Roma, dove è direttore della School of European Political Economy[2]. Sposato, con un figlio, risiede attualmente a Roma.

Attività Professionale[modifica | modifica sorgente]

Messori ha lavorato nel campo delle teorie e della storia delle teorie monetarie e bancarie, della nuova economia keynesiana[3] e della teoria dei contratti, dell'analisi di specifici sistemi economici e delle loro crisi[4]. Tra i suoi interessi si annoverano i problemi di governance economica dell'Unione europea e dell'Unione economica e monetaria europea. È autore di quattordici libri e di circa centocinquanta saggi.

È inoltre Presidente del Comitato scientifico del CER, membro di altri Comitati scientifici (fra i quali, Astrid) e socio del Consiglio italiano per le Scienze Sociali[5]. Ha svolto attività di insegnamento e di ricerca presso le Università di Louvain-la-Neuve, Paris X – Nanterre e Nice (LATAPSES); e attività di ricerca presso il M.I.T., l’Università di Stanford, Oxford, West Sidney, UQUAM – Montréal e lo University College di Dublino.

Oltre all’attività di ricerca e di insegnamento, è stato impegnato in compiti istituzionali. Dopo una breve esperienza come Consigliere economico per le privatizzazioni, assetti proprietari e finanza e come membro del Comitato degli esperti presso la Presidenza del Consiglio, è stato presidente di una Società istituita dal Ministero del Tesoro per lo sviluppo dei fondi pensione (MeFoP) e dell’Associazione italiana delle società di risparmio gestito (Assogestioni)[6] e membro del Board of directors dell’Associazione europea della previdenza complementare (EFRP)[7]. Attualmente, è membro indipendente di alcuni Consigli di amministrazione. È infine editorialista di “Corriere della sera” e “Corriere della sera – Economia”. È stato editorialista di: “la Repubblica” e “Il Sole-24 Ore”.

Il 29 maggio 2014 viene nominato Presidente delle Ferrovie dello Stato Italiane.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Marcello Messori - LUISS Guido Carli
  2. ^ About us | About SEP | School of European Political Economy LUISS
  3. ^ Marcello Messori | Keynes blog
  4. ^ Messori: La crisi dell’euro e il futuro dell’economia europea | La Finanza sul Web
  5. ^ Consiglio italiano per le Scienze Sociali » Chi siamo
  6. ^ Assogestioni: assemblea nomina presidente Marcello Messori - MilanoFinanza.it
  7. ^ http://www.ipe.com/efrp-appoints-new-chair-and-directors/25742.fullarticle