Marcello Albani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Marcello Albani (New York, 3 maggio 1905San Paolo, 1 gennaio 1980) è stato un regista, sceneggiatore e produttore cinematografico italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Iniziò a lavorare nel 1936, scrivendo la sceneggiatura del film Amazzoni bianche di Gennaro Righelli.

Nel 1940 debuttò come regista con il film Il bazar delle idee, a cui seguirono Boccaccio (1940), Divieto di sosta (1941), Redenzione (1943) e L'ultimo sogno (1946).

Dopo la fine della seconda guerra mondiale, la sua dichiarata fedeltà al regime fascista lo tagliò fuori dagli ambienti cinematografici, e la sua attività si limitò alla collaborazione ai progetti della moglie Maria Basaglia: nel 1953 Sua Altezza ha detto: no! e nel 1956 Sangue di zingara.[1]

Trascorse gli ultimi anni della propria vita in America del sud e morì a San Paolo in Brasile nel 1980.

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Catalogo Bolaffi del cinema italiano i registi a cura di Gianni Rondolino Torino 1973

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Marcello Albani su MyMovies

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]