Marc Augé

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Marc Augé

Marc Augé (Poitiers, 2 settembre 1935) è un etnologo e antropologo francese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Le sue numerose ricerche etnografiche in Africa, soprattutto in Costa d'Avorio e Togo hanno prodotto la pubblicazione dei suoi primi tre saggi (vedi Pubblicazioni principali). In questi primi lavori, per descrivere l'oggetto della sua ricerca, Augé ha coniato il termine idéo-logique che può essere inteso come quella logica interna alla rappresentazione che una società fa di se stessa.

Dopo la metà degli anni Ottanta, ha diversificato i suoi campi di osservazione, effettuando numerosi soggiorni in America latina. In particolare, osservando la realtà del mondo contemporaneo nel contesto più immediato (vale a dire Parigi, la Francia, l'Italia, la Spagna), ha applicato metodi innovativi di indagine, usando vedute teoriche e metodi da lui già sviluppati lavorando in Africa. Attraverso la teorizzazione di una antropologia della Surmodernità ha focalizzato alcuni aspetti prioritari della società contemporanea metropolitana, quali il paradossale incremento della solitudine nonostante l'evoluzione dei mezzi di comunicazione; lo strano percorso relazionale dell'"io" e dell'"altro" immersi in un contesto europeo di fine millennio; il nonluogo, ovverosia quello spazio utilizzato per usi molteplici, anonimo e stereotipato, privo di storicità e frequentato da gruppi di persone freneticamente in transito, che non si relazionano, situazione riscontrabile negli aeroporti, negli alberghi, sulle autostrade, nei grandi magazzini; infine l'oblio e l'aberrazione della memoria.
Augé ha eseguito un attento lavoro di raffronto fra l'impressione che questi "nonluoghi" suscitano nella gente comune e quella prodotta da alcuni grandi scrittori della letteratura francese. Il risultato di questa analisi è stato un apparente insuperabile gap fra il linguaggio e l'esperienza.

È stato direttore dell'École des Hautes Études en Sciences Sociales (EHESS) a Parigi ed è stato direttore fino al 1970 dell'Ufficio della ricerca scientifica e tecnica d'oltremare (ORSTOM - ora Istituto di Ricerche per lo Sviluppo, IRD).

Pubblicazioni principali[modifica | modifica wikitesto]

  • Le Rivage alladian, 1969
  • Théorie des pouvoirs et idéologie, 1975
  • Pouvoirs de vie, pouvoirs de mort, 1977; trad. Poteri di vita, poteri di morte: introduzione a un'antropologia della repressione, Milano, Raffaello Cortina Editore, 2003 ISBN 88-7078-852-0
  • Symbole, fonction, histoire, 1979; trad. Francesco Maiello e Pierre Baudry, Simbolo, funzione, storia: gli interrogativi dell'antropologia, Napoli, Liguori, 1982 ISBN 88-207-1114-1
  • Génie du paganisme, 1982; trad. Ugo Fabietti, Genio del Paganesimo, Torino, Bollati Boringhieri, 1982 ISBN 88-339-1319-8 ISBN 88-339-1376-7 ISBN 978-88-339-1898-3
  • Le sense du mal (con Claudine Herzlich), 1984; trad. Annick Wouters e Lietta Ferri, ed. it. a cura di Francesco Maiello, Il senso del male: antropologia, storia e sociologia della malattia, Milano, Il saggiatore, 1986
  • La traversée du Luxembourg, 1985; trad. Francesco Lomax, I giardini del Lussemburgo, Roma, Ei, 2000 ISBN 88-88060-03-0
  • Un ethnologue dans le métro, 1986; trad. Francesco Lomax, Un etnologo nel metrò, Milano, Elèuthera, 2005 ISBN 88-85861-53-9
  • Non-Lieux. Introduction à une anthropologie de la surmodernité, 1992; trad. Dominique Rolland, Nonluoghi. Introduzione a una antropologia della surmodernità, Milano, Elèuthera, 1996 ISBN 88-85861-54-7 ISBN 88-89490-02-0
  • Paris retraversé (con Jean Mounicq), 1990;
  • Domaines et châteaux, 1992; trad. Ville e tenute: etnologia della casa di campagna, Milano: Eleuthera, 1994 ISBN 88-85861-50-4
  • Le sens des autres. Actualité de l'anthropologie, 1994; trad. Adriana Soldati, Il senso degli altri. Attualità dell'antropologia, Milano, Anabasi, 1994 ISBN 88-417-7031-7; Torino, Bollati Boringhieri, 2000 ISBN 88-339-1257-4
  • Pour une anthropologie des mondes contemporains, 1994; trad. Silvia Montiglio, Storie del presente, Milano, Il saggiatore, 1997 ISBN 88-428-0463-0
  • Paris ouvert (con Jean Mounicq), 1995
  • Paris, années trente, 1996
  • La guerre des rêves, 1997; trad. Adriana Soldati, La guerra dei sogni: esercizi di etno-fiction, Milano, Eleuthèra, 1998 e 2005 ISBN 88-85861-89-X
  • L'impossible voyage: le tourisme et ses images, 1997; trad. Alfredo Salsano, Disneyland e altri nonluoghi, Torino, Bollati Boringhieri, 1999 ISBN 88-339-1141-1 ISBN 978-88-339-1141-0
  • Dialogo di fine millennio: tra antropologia e modernità (con Antonio Torrenzano), Torino, L'Harmattan Italia, 1997 ISBN 88-86664-43-5
  • Fictions fin de siècle, 2000; trad. Finzioni di fine secolo. Che cosa succede, Torino, Bollati Boringhieri, 2000 ISBN 88-339-1319-8
  • Les formes de l’oubli, 2001; trad. Roberto Salvadori, Le forme dell'oblio, Milano, Il saggiatore, 2000 ISBN 88-428-0795-8
  • Journal de guerre, 2002; trad. Matteo Schianchi, Diario di guerra, Torino, Bollati Boringhieri, 2003 ISBN 88-339-1411-9
  • Le dieu object, 2002; trad. Nicola Gasbarro, Il dio oggetto, Roma, Meltemi, 2002 ISBN 88-8353-154-X
  • Le temps en ruines, 2003; trad. Aldo Serafini, Rovine e macerie. Il senso del tempo, Torino, Bollati Boringhieri, 2003 ISBN 88-339-1516-6
  • Pour quoi vivons-nous?, 2003; trad. Luisa Capelli e Antonio Perri, Perché viviamo?, Roma, Meltemi, 2003 ISBN 88-8353-288-0
  • L'antropologie (con Jean-Paul Colleyn), 2004; trad. Guido Lagomarsino, L'antropologia del mondo contemporaneo, Milano, Elèuthera, 2005 ISBN 978-88-89490-11-2
  • La mère d'Arthur: roman, 2005; trad. Fernanda Littardi, La madre di Arthur, Torino, Bollati Boringhieri, 2005 ISBN 88-339-1619-7
  • Le métier d'anthropologue, 2006; trad. Vera Verdiani, a cura di Marco Aime, Il mestiere dell'antropologo, Torino, Bollati Boringhieri, 2007 ISBN 978-88-339-1758-0
  • Tra i confini: città, luoghi, integrazioni, Milano, Bruno Mondadori, 2007 ISBN 978-88-6159-013-7
  • Casablanca, 2007; trad. Valentina Parlato, Casablanca, Torino, Bollati Boringhieri, 2008 ISBN 978-88-339-1913-3
  • Eloge de la bicyclette, 2008; trad. Il bello della bicicletta, Torino, Bollati Boringhieri, 2009 ISBN 978-88-339-1992-8
  • Le métro revisité, 2008; trad. Laura Odello, Il metrò rivisitato, Milano, Raffaello Cortina Editore, 2009 ISBN 978-88-6030-238-0
  • Ou est passé l'avenir?, 2008; trad. Guido Lagomarsino, Che fine ha fatto il futuro?: dai nonluoghi al nontempo, Milano, Eleuthèra, 2009 ISBN 978-88-89490-73-0
  • Pour une anthropologie de la mobilité, 2009; trad. Guendalina Carbonelli, Per un'antropologia della mobilità, Milano, Jaca Book, 2010 ISBN 978-88-16-40930-9
  • Journal d'un SDF: ethnofiction, 2011; trad. Maria Gregorio, Diario di un senza fissa dimora, Milano, Raffaello Cortina Editore, 2011 ISBN 978-88-603-0425-4
  • Futuro, trad. Chiara Tartarini, Torino, Bollati Boringhieri, 2012 ISBN 978-88-339-2263-8
  • L'Anthropologue et le monde global, Paris, Armand Colin, 2013; trad. L'antropologo e il mondo globale, Milano, Raffaello Cortina Editore, 2013, ISBN 978-88-6030-677-7
  • Une ethnologie de soi : Le temps sans âge, Paris, Le Seuil, 2014; trad. Il tempo senza età: la vecchiaia non esiste, Milano, Raffaello Cortina Editore, 2014 ISBN 978-88-6030-693-7

Bibliografia critica[modifica | modifica wikitesto]

  • Francesco Nencini, Stefano Pirovano, I Non Luoghi, Silvana Editoriale, Milano, 2005.
  • Alessandro Hellmann, Decadence Lounge. Viaggio nei nonluoghi del nostro tempo, Zona Editrice, Arezzo, 2010.
  • Giulio Angioni, Fare, dire, sentire. L'identico e il diverso nelle culture, Palermo Sellerio, 2011.
  • Marco Lazzari, Marcella Jacono Quarantino, Adolescenti tra piazze reali e piazze virtuali, Sestante Edizioni, Bergamo, 2010.
  • Colonna R., L'essere contro l'umano. Preludi per una filosofia della surmodernità, Edises, Napoli, 2010.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 32153866 LCCN: n79114140