Manzo alla borgognona

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Manzo alla borgognona
Boeuf à la Bourguignonne
Boeuf à la Bourguignonne
Origini
Altri nomi boeuf à la Bourguignonne
Luogo d'origine Francia Francia
Regione Borgogna
Zona di produzione Borgogna
Dettagli
Categoria secondo piatto
 

Il manzo alla borgognona (boeuf à la Bourguignonne) è uno stufato di carne nel vino Borgogna ed è un piatto tradizionale della cucina francese, regionale della zona Borgogna.

In inglese beef bourguignon (manzo borgognone) [1] e in francese bœuf bourguignon [2], detto anche manzo burgundo (beef Burgundy) [3].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il manzo alla borgognona è uno dei tanti esempi di piatti contadini che si sono lentamente raffinati in alta cucina. Molto probabilmente, il particolare metodo di bollire lentamente la carne nel vino nato come strumento di intenerimento dei tagli di carne meno tenera, che sarebbe stato troppo difficile per cucinare in qualsiasi altro modo. Nel corso del tempo, il piatto è diventato uno standard della cucina francese. La maggior parte delle persone per fare un autentico bourguignon di manzo, ancora segue la ricetta descritto dal sommo Auguste Escoffier. Tale ricetta, tuttavia, ha subito piccole modifiche, dovute a cambiamenti di attrezzatura da cucina e forniture alimentari disponibili.

Il boeuf bourguignon è stato portato alla ribalta da Julia Child nel suo famoso ricettario di cucina francese per le cuoche americane (Mastering the Art of French Cooking), nel 1961. In seguito ripreso di nuovo nel film Julie & Julia, nel 2009.

Ingredienti[modifica | modifica wikitesto]

  • Patate bollite sono tradizionalmente servite con il manzo borgognone. Si possono usare anche tagliatelle in bianco o riso bollito. Se si vuole una verdura scegliere piselli od anche fagioli.
  • Cipolle e funghi champignon freschi vengono consigliati come contorno. Julia Child usava solo i funghi champignon ma in Italia abbiamo il porcino, che certo non è economico come lo champignon ma quando si prepara un piatto come questo, non si bada a spese. Bisogna comprarli in giornate secche, soleggiate, piccoli e di media grandezza, puliti dal terriccio ma meglio non lavati.
  • in Liguria il modo migliore per assaporare il manzo alla borgognona è di accompagnarlo ad una sostanziosa slerfa [4] di polenta.

Preparazione[modifica | modifica wikitesto]

Julia Child ha scritto:

« Come la maggior parte dei piatti famosi, ci sono più modi per arrivare ad un buon manzo borgognone. Fatto con cura e perfettamente aromatizzato, è sicuramente uno dei piatti di carne più prelibati inventati dall'uomo e può essere sia il piatto principale di una cena che per un buffet. Si può preparare il giorno prima, e a riscaldarlo ci guadagna solo nel sapore. Julia Child. Mastering the Art of French Cooking. pag. 315 »
Tostare la carne

Togliere la pelle della pancetta e tagliare la pancetta, a piccoli parallelepipedi.[5] e si fanno bollire in un po' d'acqua, poi si scolano e si asciugano [6]. Si fanno soffriggere le listarelle finché il grasso non si è sciolto e poi si tolgono riponendoli in un piatto a parte. Asciugare con un panno la carne di manzo e soffriggerla nell'olio rimasto nella padella, fino a tostarla da tutte le parti. Quando la carne ha assunto un bel colore bruno, togliere i pezzi di carne dalla padella e metterli nel piatto assieme alla pancetta. Nello stesso olio friggere le verdure, carote e cipolla, tagliate a grossi pezzi. Togliere l'olio grasso dalla pentola e poi riporvi la carne, con poco sale e pepe. Spruzzare di farina, girando la carne, in modo che sulla carne si formi una leggera crosta di farina. Mettere la carne, la pancetta e le verdure, in una casseruola, aggiungere il vino, fino a ricoprire la carne, se il vino non basta, eventualmente aggiungere un po' di brodo di carne. Aggiungere il concentrato di pomodoro, l'aglio schiacciato, gli aromi. Portare a bollire. Poi coprire la casseruola con il suo coperchio e riporre nel forno preriscaldato. Regolare il calore in modo che ribolla molto lentamente a lungo. La carne è pronta quando una forchetta la perfora facilmente. A fine cottura, si butta sopra una manciata di prezzemolo. Si ottiene così un piatto succulento ma non grasso [7].

Come nelle migliori tradizioni, la descrizione del manzo alla borgognona fatta nel libro Mastering the Art of French Cooking di Julia Childe, è diversa da come viene preparato nel programma televisivo S&H Green Stamps di arte culinaria tenuto dalla The french chef Julia Child [8] e quello che si vede nel film Julie & Julia [9]. Nella preparazione del manzo alla borgognona rappresentato sia alla televisione che nel film manca completamente la preparazione della pancetta e l'infarinatura della carne, come invece viene minuziosamente descritta nel libro. Julia Child stessa ha detto che ci sono molti modi per arrivare ad un buon manzo alla borgognona ma nella grande enciclopedia di cucina francese Larousse gastronomique, viene concisamente riportata la ricetta del boeuf bourguignon completa di preparazione della pancetta e dell'infarinatura del manzo [10]. Pertento soffriggere il manzo nell'olio, dentro cui si è soffritta la pancetta e poi aggiungerla alla preparazione evidentemente dà al manzo alla borgognona quel gusto diciamo all'amatriciana, che altrimenti manca. L'infarinatura del manzo, che poi si fa soffriggere ancora un poco, serve per formare una crosticina di farina, che trattiene questi sapori all'amatriciana, attaccati alla carne.

Mentre lo stufato cuoce nel forno, si fanno soffriggere le cipolline in una padella finché sono di un bel colore ambrato, poi si aggiunge un po' di brodo e si finisce la cottura, finché diventano tenere.

Champignon trifolati

I funghi si cucinano nel modo classico. Si tagliano i gambi verticalmente assieme alla cappella in fette regolari sottili, le cappelle si tagliano nel senso del diametro. In una teglia bassa e larga, con manico, si mette un poco d'olio a coprire appena il fondo (i funghi alla fine non devono essere unti), si fa soffriggere gli spicchi d'aglio finché diventino ambrati, poi si toglie e si aggiungono i funghi, si alza il fuoco e con un cucchiaio di legno si girano e rigirano continuamente, finché incominciano a fare un po' d'acqua. Allora si abbassa la fiamma, si coprono con un coperchio e si lasciano cuocere per breve tempo. A parte si è preparato un brodo bollente, leggermente salato, che si aggiunge ai funghi man mano che la loro acqua evapora, in modo che siano sempre umidi, senza essere troppo bagnati, lavorandoli continuamente con il cucchiaio di legno. I funghi non devono friggere ma neppure bollire. Quest'operazione estrae dal fungo la sua mucillagine che rende legato e filante l'intingolo. Quando sono cotti si servono bollenti con una manciata di prezzemolo.

Abbinamenti enogastronomici[modifica | modifica wikitesto]

Servire con la carne un vino rosso abbastanza corposo, giovane, come il Beaujolais, il Beaujolais nouveau di Duboef o di Vinaton, (che in Italia si trovano solo nell'ultima settimana di novembre e poi sono subito finiti), Cotes du Rhone, Bordeaux, St.Emilion, o Borgogna come il Pinot Nero Francois Martenot.
Dato che il vitigno del Borgogna è un pinot noir [11], non è difficile sostituire un costoso vino francese, di difficile reperibilità, con uno molto simile di marca italiana, che può essere altrettanto costoso, come il Vigna S.Urbano di Hofstätter [12], o qualche altro Pinot nero del Trentino Altoadige, come il Pinot Nero della Cantina Produzione di Bolzano Trentino Pinot Nero riserva, quello della Cantina di Colterenzio [13], quello di San Paolo [14], ma più a portata di mano [15].

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Boeuf bourguignon.Info please. Dictionary.
  2. ^ (EN) Beef. Word references.
  3. ^ (EN) Burgundy. Word references.
  4. ^ La slerfa o sleppa è una unità di misura genovese, precisamente è 1/8 di leccarda, una teglia da panettiere. Una slerfa equivale a 150-200 g.
  5. ^ lardons=sticks of bacon. One french word. Bastoncini di pancetta.
  6. ^ (EN) Julia Child: Boeuf bourguignon, beef burgandy. Word press. 10 ottobre 2009.
  7. ^ Boeuf Bourguignon. Cook Around. Ricetta di Julia Child.
  8. ^ Julia Child - boeuf bourguignon.
  9. ^ Julie and Julia - Boeuf Bourguignon.
  10. ^ (EN) Larousse Gastronomique. Meat,poultry and game. Clarkson Potter Publisher. New York. 2006. ISBN 0307336034 - ISBN 978-0307336033. Meat. Boeuf bourguignon. pag.19
  11. ^ I vini della Borgogna. Borgogna turismo. Degustazioni e sapori.
  12. ^ Il dono del pinot nero: il Barthenau Vigna S. Urbano di Hofstätter in quattro annate.
  13. ^ Cantina Colterenzio. Suedtiroler weinstrasse
  14. ^ Pinot Nero. Kellerei St. Pauls.
  15. ^ Pinot Nero. Esselunga.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

cucina Portale Cucina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cucina