Manuela Arcuri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Manuela Arcuri
Altezza 174 cm
Misure 94-62-93
Peso 65 kg
Scarpe 41 (UE)
Occhi Verdi
Capelli Neri

Manuela Arcuri (Anagni, 8 gennaio 1977) è un'attrice, modella e conduttrice televisiva italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Origini e studi[modifica | modifica wikitesto]

Manuela Arcuri è nata ad Anagni, in provincia di Frosinone, l'8 gennaio 1977 da padre originario della provincia di Crotone[1] e da madre originaria di Avellino[2]. Cresciuta a Latina, dove frequentò il liceo artistico, frequentò l'Accademia d'Arte Drammatica "Pietro Scharoff" di Roma, diplomandosi nel 1997. È la sorella minore dell'attore Sergio Arcuri, già suo partner in fiction di successo come Io non dimentico, L'onore e il rispetto, Sangue caldo e Pupetta - Il coraggio e la passione.

Carriera da modella e da attrice[modifica | modifica wikitesto]

Attratta fin da giovanissima dal mondo dello spettacolo, iniziò la carriera di modella per fotoromanzi all'età di 15 anni. Uno dei suoi primi servizi fotografici senza veli fu eseguito da Alberto Magliozzi tra il 1994 e il 1998[3]. Comparve come comparsa nel film I buchi neri di Pappi Corsicato. Successivamente fu scritturata da Leonardo Pieraccioni per un cameo ne I laureati. Nel 1997 è stata una delle vallette, meglio note come letterate, nel programma Il gatto e la volpe.

Dopo altre esperienze cinematografiche e teatrali, tra cui A pretty story of a woman e Liolà per la regia di Gigi Proietti, nel 1999 fu finalmente scelta da Giorgio Panariello per un ruolo importante nel film Bagnomaria che le fece guadagnare notorietà. Nell'aprile 1999 Boss Magazine pubblicò le foto di Alberto Magliozzi in copertina e in 8 pagine interne mentre l'edizione italiana di Maxim la fotografò per 4 pagine. Comparve a seno nudo sulla copertina di Max del settembre 1999 e in 10 pagine interne[4]. Playboy Italia le dedicò la copertina del numero di ottobre 2000[5] e un inserto di 52 pagine[6]. Nel 2000 la Arcuri fu la protagonista di un calendario sexy per GenteViaggi e nel 2001 posò nuda per quello di Panorama,[7][8] ottenendo una grande notorietà che contribuì a procurarle importanti scritture, come quelle per i programmi televisivi Mai dire Gol e Carabinieri nel 2001 e per il Festival di Sanremo nel 2002. Boss Magazine pubblicò il calendario 2000-2001 utilizzando, tra le altre, anche foto della Arcuri scattate da Giovanni Cozzi, ma non essendo state autorizzate la modella e il fotografo fecero causa alla rivista.[9] Comparve nel numero di ottobre 2002 dell'edizione olandese di Penthouse. Il servizio fotografico eseguito tra il 1994 e il 1998 da Alberto Magliozzi fu utilizzato in un calendario del 2003[10] e in uno del 2004[11].

Nel 2003, insieme a Teo Teocoli e Anna Maria Barbera (nota in Italia per il personaggio di Sconsolata), ha condotto l'ottava edizione di Scherzi a parte. Ha posato per la copertina e per 10 pagine del numero di maggio 2003 dell'edizione olandese di Maxim. L'edizione italiana della stessa rivista la inserì in 7 pagine del numero di agosto 2003. Nel 2004 ha partecipato, come protagonista, al video della canzone Liberi da noi di Gigi D'Alessio, nel 2007 al video della canzone Somewhere Here On Earth di Prince e nel 2009 al video di Ancora qui di Renato Zero. Si fece fotografare completamente nuda per i numeri di GQ di agosto 2002 (copertina e 9 pagine)[12][13], settembre 2002 (4 pagine), aprile 2005 (copertina e 10 pagine)[14] e maggio 2005 (4 pagine). Comparve nei numeri di luglio e di settembre 2005 di Max.

Nel 2008 ha interpretato Egle Ciccirillo nella commedia teatrale Il primo che mi capita, scritta, diretta e interpretata da Antonio Giuliani, in scena, al Teatro Parioli di Roma, dal 5 febbraio al 16 marzo. Nello stesso anno interpreta quello che lei definisce il "ruolo più impegnativo ma anche più bello della mia carriera"[15] nella fiction Io non dimentico, coprotagonista assieme a Brando Giorgi e Giovanni Scifoni. Ha inoltre partecipato alla fiction televisiva Mogli a pezzi e condotto Venice Music Awards accanto ad Amadeus (2008).

Nel 2010 prende parte alla prima stagione de Il peccato e la vergogna nel ruolo di Carmen Tabacchi al fianco di Gabriel Garko, Giuliana De Sio e Francesco Testi.

Dal 6 giugno al 20 giugno 2013 ha ricoperto il suo primo ruolo da protagonista nella fiction Mediaset Pupetta - Il coraggio e la passione, al fianco di Eva Grimaldi, Barbara De Rossi, Ben Gazzara e Sergio Arcuri, grazie a questo ruolo vince il premio di miglior attrice al Roma Fiction Fest[16]. Nel gennaio 2014 è tornata, con il ruolo di Carmen Tabacchi Fontamara, nella seconda stagione della serie Il peccato e la vergogna, al fianco di Gabriel Garko e Laura Torrisi.

Dal 3 al 24 marzo 2014 è stata opinionista fissa del Grande Fratello 13, condotto da Alessia Marcuzzi, al fianco del giornalista Cesare Cunaccia e in sostituzione di Alfonso Signorini.

La statua[modifica | modifica wikitesto]

La statua

Il 19 luglio 2002, sul lungomare di Porto Cesareo è stata posta una statua che raffigura Manuela Arcuri. La statua, alta 175 centimetri e realizzata in pietra leccese[17] ha una epigrafe che recita «Il mare di Porto Cesareo a Manuela Arcuri simbolo di bellezza e prosperità».[18]

L'iniziativa ha causato contrastanti reazioni da parte dei turisti che non mancavano di farsi fotografare ai piedi del monumento e da parte dei pescatori che, prima di andare in mare, avevano preso l'abitudine di toccare le natiche della statua come atto scaramantico e, infine, da parte delle mogli dei pescatori che ne hanno fortemente reclamato la rimozione, finché, il 30 marzo 2010, la statua è stata rimossa dall'amministrazione comunale guidata da Vito Foscarini.[19]

L'8 luglio 2011 l'amministrazione comunale guidata da Salvatore Albano, da poco eletta, ha ripristinato la statua nella precedente collocazione dopo un restauro alle natiche, in una cerimonia a cui ha preso parte anche la stessa Manuela Arcuri.[20]

Nel mese di luglio 2012 la statua è oggetto di una indagine della Procura di Lecce per presunte violazioni paesaggistiche in quanto sarebbe stata installata in una zona demaniale data in concessione dalla Capitaneria di porto locale. Tra gli indagati, sei in tutto, ci sarebbe anche il Sindaco di Porto Cesareo Salvatore Albano.[17] L'inchiesta è stata archiviata nel dicembre 2012.[21]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Dal 2010 è fidanzata con l'imprenditore edile Giovanni Di Gianfrancesco e nell'ottobre 2013 annuncia di essere incinta. [22] L'8 maggio 2014 ha avuto un figlio di nome Mattia.[23]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

Programmi televisivi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Manuela Arcuri e le sue origini calabresi
  2. ^ Manuela Arcuri: "Volata scudetto? Tifo Napoli, mia madre è di Avellino"
  3. ^ Inedita Manuela, ecco la Arcuri mai vista, TrovaCinema, 25 agosto 2009. URL consultato il 19 dicembre 2012.
  4. ^ La Arcuri che piace a noi, Gazzetta dello Sport. URL consultato il 31 gennaio 2013.
  5. ^ Playboy Cover October 2000 (Italy), Playboy Cover Archive. URL consultato il 31 gennaio 2013.
  6. ^ TV: PER LA PRIMA VOLTA MANUELA ARCURI NUDA SU 'PLAYBOY' in Adnkronos, 27 settembre 2000. URL consultato il 31 gennaio 2013.
  7. ^ Calendario Manuela Arcuri 2001, TiPiace.it. URL consultato il 28 gennaio 2013.
  8. ^ Danila Mancini, Calendari vip: Manuela Arcuri come mamma l'ha fatta, Today.it, 23 aprile 2012. URL consultato il 20 dicembre 2012.
  9. ^ E la Arcuri va dal giudice per il nudo in calendario in la Repubblica, 7 novembre 2000. URL consultato il 31 gennaio 2013.
  10. ^ Calendario Manuela Arcuri 2003, TiPiace.it. URL consultato il 28 gennaio 2013.
  11. ^ Calendario Manuela Arcuri 2004, TiPiace.it. URL consultato il 28 gennaio 2013.
  12. ^ Copertina di GQ agosto 2002, GQ.com.
  13. ^ Manuela Arcuri a Ibiza, GQ.com.
  14. ^ Copertina di GQ aprile 2005, GQ.com.
  15. ^ Canale5, Arcuri: Io non dimentico, TGCom, 4 gennaio 2008.
  16. ^ Gabriel Garko e Manuela Arcuri: migliori attori al Roma Fiction Fest. URL consultato il 7 ottobre 2013.
  17. ^ a b Statua Arcuri diventa caso giudiziario - Photostory Curiosità - ANSA.it
  18. ^ Manuela Arcuri inaugura la sua statua in Corriere della Sera, 20 luglio 2002. URL consultato il 31 marzo 2010.
  19. ^ Salento, via la statua di Manuela Arcuri. Le residenti: «Non ci rappresenta» in Corriere della Sera, 30 marzo 2010. URL consultato il 31 marzo 2010.
  20. ^ Manuela Arcuri e la sua statua tornano a Porto Cesareo in Affari italiani, 4 luglio 2011. URL consultato il 5 luglio 2011.
  21. ^ La statua di Manuela Arcuri. archiviata l'inchiesta: nessun illecito in Corriere del Mezzogiorno, 18 dicembre 2012. URL consultato il 20 dicembre 2012.
  22. ^ Manuela Arcuri sarà mamma: "Sono incinta del mio fidanzato". URL consultato il 27 ottobre 2013.
  23. ^ Manuela Arcuri mamma: è nato il figlio Mattia. URL consultato il 12 maggio 2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]