Manuel Elkin Patarroyo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Manuel Elkin Patarroyo (Ataco, 1946) è un medico colombiano che ha scoperto un vaccino contro la malaria noto anche come SPf66.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nato ad Ataco, città colombiana del Dipartimento di Tolima, si laurea in Medicina e Chirurgia presso la Universidad Nacional de Colombia e si specializza in immunologia negli USA. Nel 1984 fonda e dirige l' Instituto de Inmunología del Hospital San Juan de Dios di Bogotà. Attualmente è professore della Universidad Nacional colombiana e professore associato presso la Rockfeller University di New York[1].

Controversie intorno al vaccino SPf66[modifica | modifica sorgente]

Malgrado la sua comprovata efficacia, l'utilizzo dell'SPf66 è stato contestato duramente dagli scienziati nord americani che, a detta dello stesso Patarroyo, sarebbero colpevoli di un "razzismo intellettuale": il tentativo di ostacolare la diffusione (tramite sperimentazione) in Gambia e Tanzania del vaccino sarebbe legato al rifiuto di Patarroyo di vendere il brevetto del vaccino alle industrie farmaceutiche, preferendo consegnarlo all'Organizzazione mondiale della sanità. Nel 1997 i medici senegalesi hanno appoggiato la causa di Patarroyo, sollevando l'interesse dell'intera comunità scientifica africana.

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Nel 1994 Patarroyo ricevette il Premio Principe delle Asturie nella categoria "Ricerca scientifica e tecnica". Attualmente il vaccino contro la malaria ha raggiunto un'efficacia pari al 90%.

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Premio Principe delle Asturie per la ricerca scientifica e tecnica (Spagna) - nastrino per uniforme ordinaria Premio Principe delle Asturie per la ricerca scientifica e tecnica (Spagna)
— 1994

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Fundación Príncipe de Asturias

Controllo di autorità VIAF: 31020175 LCCN: n86099920