Manuel Blanco Encalada

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ritratto di Manuel Blanco Encalada del pittore cileno Juan Francisco González

Manuel Blanco Encalada (Buenos Aires, 21 aprile 1790Santiago del Cile, 5 settembre 1876) è stato un ammiraglio e politico cileno, presidente del Cile dal 9 luglio al 9 settembre 1826.

Nel gennaio 1826 partecipò ai combattimenti per la riconquista dell’arcipelago di Chiloé, ancora occupato dagli spagnoli. Come ministro degli esteri al momento delle dimissioni del Directór Supremo Ramón Freire Serrano, fu nominato provvisoriamente presidente della Repubblica (diventando il primo a ricoprire tale carica) il 9 luglio 1826. Non riuscendo a risolvere la grave crisi politica tra liberali e conservatori, che ormai imperversava dal 1822, si dimise dopo appena due mesi, il 9 settembre, lasciando il governo al vicepresidente Agustín Eyzaguirre Arechavala.

Tra il 1865 ed il 1866 si unì agli sforzi nella guerra tra la Confederazione Perù-Bolivia e la Spagna e dopo la guerra fu nominato Governatore di Valparaíso.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Presidente del Cile Successore Flag of the President of Chile.svg
Ramón Freire Serrano (Director Supremo) 1826 Agustín Eyzaguirre Arechavala

Controllo di autorità VIAF: 14691390 LCCN: nr99028343