Mano della Gloria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La cosiddetta Mano della Gloria o Mano di Gloria è un oggetto magico costituito dalla mano di un impiccato disseccata e conservata in salamoia.

Secondo vecchie credenze europee, costruendo una candela con il grasso di un malfattore finito sulla forca o con il dito di un bambino nato morto, accendendo la candela e infilandola nella Mano della Gloria come un candeliere, la Mano avrebbe paralizzato tutti coloro a cui fosse mostrata. Per questo motivo veniva talvolta usata dai ladri che intendevano derubare una casa. Nel XVII secolo alcune donne incinte venivano uccise da ladri per fabbricare queste candele.

Viene spesso confusa con il leggendario Sigillum Emeth, creato dal famoso alchimista John Dee (1527-1608), ma trattasi di un sigillo angelico di protezione (il più potente che si conosca), che non ha nulla a che vedere con la Mano della Gloria.

Riferimenti contemporanei[modifica | modifica wikitesto]

  • La Mano della Gloria viene nominata nella serie giapponese a fumetti Ghost Sweeper Mikami: Tadao Yokoshima, l'aiutante della protagonista, chiama così un potere focalizzato sulla propria mano.
  • La Mano della Gloria è un oggetto magico del gioco di ruolo Dungeons & Dragons che consente di lanciare incantesimi e di usufruire dei poteri magici di un anello magico infilato su un suo dito.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • James George Frazer, Magia omeopatica o imitativa, in Il ramo d'oro Studio sulla magia e la religione, Milano, Editore Boringhieri SpA, 1973, pp. 52-53.