Manis temminckii

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Pangolino di Temminck
Steppenschuppentier2.jpg
Manis temminckii
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Gnathostomata
Superclasse Tetrapoda
Classe Mammalia
Sottoclasse Theria
Infraclasse Eutheria
Superordine Laurasiatheria
(clade) Ferae
Ordine Pholidota
Famiglia Manidae
Genere Manis
Sottogenere Smutsia
Specie M. temminckii
Nomenclatura binomiale
Manis temminckii
Smuts, 1832
Sinonimi

Manis hedenborgii
(Fitzinger, 1872)
Phatages hedenborgii
Fitzinger, 1872
Smutsia temminckii
(Smuts, 1832)

Nomi comuni

Pangolino del Capo

Areale

Ground Pangolin area.png

Il pangolino di Temminck o pangolino del Capo (Manis (Smutsia) temminckii Smuts, 1832) è un mammifero appartenente alla famiglia Manidae, diffuso in Africa.[2]

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

La lunghezza del corpo, testa compresa, può variare tra 40 e 70 cm; la coda può essere lunga altrettanto ed è prensile. Il corpo, con l'eccezione del ventre e delle parti laterali del capo, è coperto da scaglie costituite da cheratina. Il capo è piccolo e appuntito, gli occhi piccoli e protetti da spesse palpebre. Non ha denti, ma una lunga lingua (fino a 25 cm) specializzata per la cattura di insetti. Le zampe terminano con cinque lunghi artigli.

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Comportamento[modifica | modifica sorgente]

Se è attaccato, arrotola il corpo e assume la forma di una sfera interamente protetta dalle scaglie.

Alimentazione[modifica | modifica sorgente]

La dieta consiste soprattutto di formiche e termiti, ma occasionalmente anche di altri insetti e larve. è un animale solitario, che interrompe l'isolamento solo per l'accoppiamento. Conduce vita notturna, cercando il cibo soprattutto grazie allo sviluppatissimo olfatto. Durante il giorno riposa in tane scavate nel terreno. Pur vivendo normalmente al suolo, è in grado sia di arrampicarsi che di nuotare.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

L'areale copre una vasta zone dell'Africa sub-sahariana, comprendendo il Sudafrica settentrionale, la Namibia settentrionale e orientale, lo Zimbabwe, il Mozambico, la Botswana, l'Angola meridionale, lo Zambia meridionale, il sudest della Repubblica Democratica del Congo, il Rwanda meridionale, il Malawi, la Tanzania, l' Uganda orientale, il Kenya occidentale e le zone meridionali del Sudan e del Ciad. La specie è però presente nel proprio areale con una densità molto bassa.[2]

Gli habitat variano dalla foresta alla savana.[1]

Conservazione[modifica | modifica sorgente]

La Lista rossa IUCN classifica questa specie come a basso rischio di estinzione.[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c (EN) Hoffmann, M. 2008, Manis temminckii in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.1, IUCN, 2014.
  2. ^ a b (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Manis temminckii in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Bräutigam, A., Howes, J., Humphreys, T. and Hutton, J. 1994. Recent information on the status and utilization of African pangolins. TRAFFIC Bulletin 15: 15-22.
  • Grubb, P., Jones, T. S., Davies, A. G., Edberg, E., Starin, E. D. and Hill, J. E. 1998. Mammals of Ghana, Sierra Leone and The Gambia. Trendrine Press, Zennor, St Ives, Cornwall, UK.
  • Heath, M. and Kingdon, J. In press. Genus Smutsia. In: J. S. Kingdon and M. Hoffmann (eds), The Mammals of Africa, Academic Press, Amsterdam, The Netherlands.
  • Swart, J. M. 1996. Foraging behaviour of the Cape Pangolin (Manis temminckii) in the Sabi Sand Wildtuin. M.Sc. Thesis, University of Pretoria.
  • Swart, J. M. In press. Smutsia temminckii. In: J. S. Kingdon and M. Hoffmann (eds), The Mammals of Africa, Academic Press, Amsterdam, The Netherlands.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]