Manio Acilio Glabrione (console 91)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Manio Acilio Glabrione (in latino: Manius Acilius Glabrio; ... – 95) è stato un politico romano.

Console ordinario con Marco Ulpio Traiano, che poi divenne imperatore, per il 91 e durato in carica fino al novembre, fu sospettato dall'imperatore Domiziano e obbligato a combattere con le fiere nel circo, poi venne esiliato e messo a morte nel 95 circa, o perché accusato di aspirare all'impero (secondo Giovenale e Svetonio) o perché, secondo Cassio Dione, cristiano.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Predecessore
Imperatore Cesare Domiziano Augusto,
Marco Cocceio Nerva
Console romano
91
con Marco Ulpio Traiano
Successore
Imperatore Cesare Domiziano Augusto,
Quinto Volusio Saturnino