Mangere

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mangere
Mangere Island
Mangere (a sinistra) e Piccola Mangere (a destra)
Mangere (a sinistra) e Piccola Mangere (a destra)
Geografia fisica
Localizzazione Oceano Pacifico
Coordinate 44°26′S 176°29′E / 44.433333°S 176.483333°E-44.433333; 176.483333Coordinate: 44°26′S 176°29′E / 44.433333°S 176.483333°E-44.433333; 176.483333
Arcipelago Isole Chatham
Superficie 1,13 km²
Altitudine massima 292 m s.l.m.
Geografia politica
Stato Nuova Zelanda Nuova Zelanda
Demografia
Abitanti disabitata
Cartografia
Chatham-Islands map topo en.svg

[senza fonte]

voci di isole della Nuova Zelanda presenti su Wikipedia

Mangere è un'isola di 1,13 km² facente parte delle Chatham, un gruppo insulare situato 800 km a est dell'Isola del Sud della Nuova Zelanda. È posta in vicinanza delle coste occidentali dell'isola di Pitt, 45 km a sud-est di Waitangi, sull'isola Chatham, il principale insediamento dell'arcipelago.

Mangere e la vicina Piccola Mangere (o Tapuaenuku) costituiscono i resti erosi di un antico vulcano di epoca pliocenica. Il punto più elevato dell'isola, Whakapa, misura 292 m di altezza.

Interamente ricoperta di foreste fino agli anni novanta del XIX secolo, l'isola è stata in gran parte disboscata allo scopo di creare pascoli per gli ovini. Vi furono introdotti anche conigli e gatti, ma non riuscirono ad ambientarsi e morirono poco dopo. Abitata da allevatori fino al 1966, Mangere è divenuta in seguito proprietà del Governo della Nuova Zelanda, che ne ha fatto una Riserva Naturale[1]. Le ultime pecore rimaste vennero eliminate nel 1968 e da allora sull'isola viene portato avanti un progetto di recupero naturale che dura tuttora. Sull'isola sono state reintrodotte varie specie di uccelli endemiche delle Chatham, come il beccaccino delle Chatham (nel 1970), la balia melanica dell'Isola Chatham (nel 1976), la balia della Nuova Zelanda (nel 1987) e il corriere ripario (negli anni novanta).

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Mangere Island restoration (from the Department of Conservation website)