Mandato britannico della Mesopotamia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Mandato Britannico della Mesopotamia
Mandato Britannico della Mesopotamia – Bandiera
(dettagli)
Mandato Britannico della Mesopotamia - Localizzazione
Dati amministrativi
Nome completo الانتداب البريطاني على بلاد ما بين النهرين
Nome ufficiale British Mandate of Mesopotamia
Lingue ufficiali Arabo
Lingue parlate
Inno God Save the King
Capitale Bagdad
Dipendente da Regno Unito
Politica
Forma di Stato Mandato della Lega delle Nazioni
Forma di governo Monarchia
Nascita 10 agosto 1920 con Re Faisal I
Fine 3 ottobre 1932
Causa Indipendenza
Territorio e popolazione
Massima estensione 437.062 Km² (1918 - 1932) nel
Religione e società
Religioni preminenti Islam
Evoluzione storica
Preceduto da Ottoman flag.svg Impero Ottomano
Succeduto da Flag of Iraq (1921–1959).svg Iraq

Il Mandato britannico dell'Iraq (o della Mesopotamia), in in arabo: الانتداب البريطاني على العراق - al-Intidāb al-barītānī ʿalā l-ʿIrāq - fu un Mandato di classe A della Lega delle Nazioni, affidato al Regno Unito quando, con il Trattato di Sèvres dell'agosto del 1920, fu decisa la spartizione dell'Impero ottomano. L'assegnazione di tale Mandato ai britannici fu preparata dalla Conferenza di Sanremo del 25 aprile 1920.
Il Mandato ebbe termine il 3 ottobre 1932 con l'indipendenza dell'Iraq e la sua entrata nella Lega delle Nazioni, in osservanza del Trattato anglo-iracheno del giugno 1930. Tale trattato, della durata di 25 anni, prevedeva una stretta alleanza tra i due Paesi e una piena collaborazione in politica estera, oltre che mutua assistenza in caso di guerra. Infine, il Trattato garantiva al Regno Unito l'uso di due basi aeree e il diritto di far transitare le proprie truppe all'interno dell'Iraq.