Hierapolis Bambyce

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Manbij)
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Hierapolis all'interno dell'Oriente romano (351-354)

Hierapolis Bambyce era una antica città in Siria, dove ora sorge Manbji.

Il suo nome in siriaco era Mabog (anche Mabbog, Mabbogh, o Mabbūgh)[1], il nome greco antico era Bambice (Βαμβύκη, Bambyke).

La città era importante per il suo santuario commageno, dedicato alla venerazione della dea della natura siriana Atargatis. I Seleucidi ne fecero la principale stazione intermedia della strada che collegava Antiochia a Seleucia sul Tigri; sotto di loro divenne famosa come la "città del santuario" (Ἱερόπολις, Ieropolis) e poi come la "città sacra" (Ἰεράπολις, Ierapolis).

Marco Licinio Crasso saccheggiò il tempio all'inizio della sua campagna contro i Parti (53 a.C.).

La città divenne il punto di partenza delle campagne romane contro i Parti prima e i Sasanidi poi. Fu conquistata nel 252/253 da Sapore I nel corso delle sue campagne militari.[2] Nel 354 vi si recò il cesare Costanzo Gallo; pochi anni dopo (363) l'imperatore romano Giuliano, che stava iniziando la sua campagna contro i Sasanidi, la trovò in rovina. Successivamente l'imperatore Giustiniano I non riuscì a difenderla, cosicché il re sasanide Cosroe I poté chiedere un riscatto per liberarla.

Note[modifica | modifica wikitesto]