Manado

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Manado
città a livello di reggenza
Kota Manado
Manado – Veduta
Localizzazione
Stato Indonesia Indonesia
Provincia Sulawesi Settentrionale
Amministrazione
Reggente Jimmy R. Rogi
Territorio
Coordinate 1°30′00″N 124°58′00″E / 1.5°N 124.966667°E1.5; 124.966667 (Manado)Coordinate: 1°30′00″N 124°58′00″E / 1.5°N 124.966667°E1.5; 124.966667 (Manado)
Altitudine m s.l.m.
Superficie 15 726 km²
Abitanti 417 548 (2005)
Densità 26,55 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale 25000
Fuso orario UTC+8
Cartografia
Mappa di localizzazione: Indonesia
Manado
Sito istituzionale

Manado (o Menado) è la capitale della provincia indonesiana del Sulawesi Settentrionale, sull'isola di Celebes. Sorge su una baia, stretta da montagne. La sua popolazione è di circa 600.000 abitanti. La città gode del titolo di municipalità (kota).
I dintorni sono una destinazione nota agli appassionati di immersioni e pesca subacquea. Nelle vicinanze, a circa 16 chilometri, sorge il monte Lokon, un vulcano attivo.

Lingua[modifica | modifica wikitesto]

Accanto alla lingua regionale, il minahasa, è parlato un creolo del malese, detto "malese di Menado" (bahasa Melayu Menado).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La Compagnia Olandese delle Indie Orientali vi costruì un forte nel 1658. Come altre regioni della Indonesia orientale, Manado divenne in parte cristiana a seguito dell'opera di missionari olandesi, quali Riedel e Schwarz.
Nel 1825-30, nel corso della Guerra di Giava, che opponeva l'autorità coloniale olandese ai ribelli giavanesi del principe Diponegoro, soldati minahasa vennero arruolati in gran numero dai primi. Tanto che, quando venne catturato, il 28 marzo 1830, Diponegoro venne esiliato proprio a Manado, sino al 1834 (quando venne trasferito al Forte Rotterdam di Makassar, nel sud di Célèbes, dove morì l’8 gennaio 1855).

Manado era, quindi, un centro piuttosto antico ed importante, quando, nel 1859, visitata dal naturalista inglese Alfred Wallace, che ne lodò la bellezza.
A metà del Novecento, tuttavia, la città subì una duplice, violenta, distruzione: prima i bombardamenti alleato, quando la città era occupata dall'Impero del Giappone, nel corso della seconda guerra mondiale. Poi nel 1958. Poi, nel febbraio 1958, il bombardamento indonesiani, seguiti, nel successivo giugno, da una spedizione militare, quando la città era divenuta 'capitale' del movimento separatista Permesta.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]