Mammotome

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Rappresentazione schematica di una sonda Mammotome

Il Mammotome è un sistema per biopsia VABB (Vacuum Assisted Breast Biopsy) che utilizza una sonda assistita da un computer per effettuare biopsie di lesioni non palpabili della mammella reperite precedentemente attraverso esami radiologici o ecografici. Esso permette di prelevare frustoli di tessuto da analizzare istologicamente.[1]

Il prelievo VABB è tecnica di chirurgia mininvasiva e può essere effettuata ambulatorialmente. Il prelievo di tessuto viene effettuato mediante guida ecografica, radiografica,[2] o con l’utilizzo della risonanza magnetica.

Metodica[modifica | modifica wikitesto]

Il Mammotome è composto da un modulo di controllo per mantenere l’aspirazione a valori costanti (23-25 mm/Hg) e di un driver su cui viene montata la sonda o ago (da 11 o 14 G). Il sistema è collegato a un computer, che attraverso i calcoli effettuati sulle due riprese radiologiche +15 e –15, secondo principi di stereotassi, trasmette al display dell’autoguide su cui è montato il driver dei valori numerici che regolano il posizionamento e la profondità dell’ago nella lesione in esame. La premedicazione consiste nell’utilizzo di un anestetico locale; in individui ansiosi può essere somministrato un blando sedativo. Il tessuto viene, per effetto aspirativo, prima attratto verso una finestra contenuta nell’estremità distale dell’ago, tagliato da una lama rotante ad elevata velocità in esso contenuta e successivamente trascinato nella camera di prelievo posta all’estremità esterna dell’ago. Il numero di frustoli prelevati può variare da 5 a 20; la lunghezza media è di 20 mm con diametro di 3 mm.[3] In un'unica seduta e attraverso un'unica via di accesso di circa 3 mm, vengono effettuati prelievi multipli in modo da aumentare l'accuratezza diagnostica. Non residuano vistose cicatrici e ciò consente di ridurre lo stress fisico ed emotivo della paziente. Il mammotome è considerato una metodica rapida, sensibile e specifica, dai costi ridotti rispetto a tecniche bioptiche a cielo aperto. [4] [5]

I rischi associati alla procedura includono sanguinamenti eccessivi, dolore, comparsa di ecchimosi e/o tumefazione. Infezioni e altri tipi di complicanze sono rari e sono indicazioni talvolta al differimento dell’intervento. Raramente possono verificarsi reazioni allergiche all’anestetico locale.

Limiti della procedura[modifica | modifica wikitesto]

Lesioni in prossimità della gabbia toracica o della cute[6][7] o la cui posizione non può essere stabilita con la stereotassi.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Hoorntje LE, Peeters PH, Mali WP, Borel Rinkes IH. Vacuum-assisted breast biopsy: a critical review. Eur J Cancer. 2003;39:1676–1683
  2. ^ Laufer U, Frentzel K, Knoben B, Kirchner J, Donnerstag F, Liermann D. - [Minimally invasive stereotactic breast biopsy with the "mammotome". Methodology and personal experiences] -Zentralbl Chir. 1998;123 Suppl 5:63-5
  3. ^ Belfiore G. et al. Biopsia mammaria stereotassica con mammotome per la valutazione delle lesioni non palpabili della mammella. http://www.senology.it
  4. ^ Mendez A, Cabanillas F, Echenique M, Malekshamran K, Perez I, Ramos E. Mammographic features and correlation with biopsy findings using 11-gauge stereotactic vacuum-assisted breast biopsy (SVABB). Ann Oncol. 2004;15:450–454
  5. ^ Dhillon MS, Bradley SA, England DW. Mammotome biopsy: impact on preoperative diagnosis rate. Clin Radiol. 2006;61:469–474.
  6. ^ Flora Zagouri,1 Theodoros N Sergentanis,1 Dimitra Koulocheri,1 Georgia Giannakopoulou,1 Aphrodite Nonni,2 Dimitrios Dardamanis,1 Nikolaos V Michalopoulos,1 Ioannis Flessas,1 John Bramis,1 and George C Zografos - Vacuum-assisted breast biopsy in close proximity to the skin: a case report – in J Med Case Reports. 2008; 2: 165.
  7. ^ Liberman, L. Stereotactic Core Biopsy. In: Dershaw D. , editor. Imaging-Guided Interventional Breast Techniques. New York: Springer; 2003. pp. 87–118
medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina