Mamma, io vengo da un altro pianeta?

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mamma, io vengo da un altro pianeta?
Mamma, io vengo da un altro pianeta?.png
Logo italiano
Titolo originale Can of Worms
Paese Stati Uniti d'America
Anno 1999
Formato film TV
Genere fantasy, fantascienza
Durata 90 min
Lingua originale inglese
Caratteristiche tecniche
Aspect ratio 4:3
Colore colore
Audio sonoro
Crediti
Regia Paul Schneider
Sceneggiatura Kathy Mackel
Interpreti e personaggi
Doppiatori e personaggi
Fotografia Mark Irwin
Montaggio Andrew Cohen
Musiche Mark Mothersbaugh
Scenografia Byron King
Produttore Joe Goodman
Produttore esecutivo Marcy Gross
Prima visione
Prima TV Stati Uniti d'America
Data 10 aprile 1999
Rete televisiva Disney Channel
Prima TV in italiano (gratuita)
Data 22 ottobre 2005
Rete televisiva Rai Due

Mamma, io vengo da un altro pianeta? (Can of Worms) è un Disney Channel Original Movie del 1999 per la regia di Paul Schneider. Il film è basato dall'omonimo romanzo candidato al premio Young Reader's Choice del 2002[1] e al Rhode Island Children's Book Awards del 2001.[2] Le riprese del film si sono svolte a Vancouver, British Columbia.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Mike Pillsbury è un ragazzo che non si è mai sentito appartenere a pieno alla vita terrestre. Per conquistare la sua ragazza del cuore, Kate Sandman, decide di aiutarla nei preparativi per il ballo di Halloween, che viene sabotato dal rivale di Mike, Scott. Così, pesantemente umiliato, Mike invia un messaggio nello spazio chiedendo di essere portato via dal pianeta Terra, non sapendo però che il messaggio è veramente arrivato agli alieni e che questo gli causerà non pochi problemi.

Cast[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ cool-reads.co.uk - books for 10-15 year old readers by 10-15 year old reviewers
  2. ^ 2001 Nominations in Rhode Island Children's Book Award, Rhode Island Teacher's & Technology Initiative/Rhode Island Educational Media Association/Rhode Island Network for Educational Technology. URL consultato il 21 aprile 2009.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]