Malo (azienda)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Malo
Stato Italia Italia
Tipo Società per azioni
Fondazione 1972 a Firenze
Fondata da Alfredo Canessa e Giacomo Canessa
Sede principale Campi Bisenzio (FI)
Settore Moda, Tessile
Prodotti Abbigliamento, accessori e calzature
Sito web www.malo.it/

Malo è un marchio italiano di cashmere[1], nato a Firenze nel 1972 per iniziativa di due fratelli Alfredo Canessa e Giacomo Canessa[2], imprenditori. Malo è un marchio del Made in Italy. Le sue collezioni sono stagionali e distribuite attraverso una rete commerciale che comprende negozi diretti Malo, negozi multimarca e department stores selezionati, in diverse parti del mondo.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1972 nasce a Firenze Malo Tricot srl, poi Malo, su iniziativa di due fratelli genovesi Giacomo e Alfredo Canessa.

Nel 1973 l’azienda si trasferisce nella provincia di Firenze, a Campi Bisenzio, dove inizia le sue produzioni di maglieria di cashmere. Tra gli anni ‘70-80 l’azienda si afferma progressivamente sul territorio nazionale. Nel 1980 Malo Tricot srl diventa Malo Spa; l’azienda esce dai confini regionali ed apre uno showroom a Milano.

Nel 1984 il brand Malo diventa internazionale. Nasce a New York la Malo Usa Inc., società che si occupa della distribuzione dei prodotti di maglieria per il territorio del Nord America.

Nel 1988 Malo Spa inizia la sua campagna di espansione acquisendo il maglificio Velley Spa di Alessandria e l’ Abor srl di Piacenza.

Nel 1989 Malo Spa cambia ragione sociale e diventa Mac (Manifatture Associate Cashmere). Dal ’90 in poi la strategia aziendale Mac punta all’incremento dell’export, attraverso l’apertura di filiali commerciali in mercati strategici (New York, Dusseldorf, Parigi, Tokyo), e alla crescita di flagship store, per promuovere l’immagine del brand, in diverse città del mondo.

Nel 1994 Mac annuncia l’acquisizione della concorrente nazionale Mgm Malima.

Nel 1999 Malo entra a far parte del gruppo molisano Itierre (Gruppo It Holding), dove rimane fino alla sua cessione a seguito di crack della Holding[3].

Nell’ottobre 2010, viene acquisita dalla società Evanthe del Gruppo Italiano Exa srl.

A marzo 2013, viene annunciata la chiusura dei 2 stabilimenti produttivi di Borgonovo Val Tidone (Piacenza) [4]

Il polo italiano del cashmere[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1994 l’azienda Malo dei fratelli Alfredo e Giacomo Canessa annuncia l’acquisizione del 100% della concorrente Mgm Malima, dell’imprenditore Armando Poggio. Con questa operazione il gruppo Manifatture Associate Cashmere diventa leader nazionale nella produzione del cashmere[5].

La Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il cashmere di produzione Malo proviene dalla Mongolia. Il duvet diventa cashmere dopo la filatura e la tintura nei laboratori italiani. Il processo finale è la tessitura, realizzata con telai tradizionali a mano e con macchinari d’avanguardia. L’azienda produce capi di maglieria cashmere all’interno dei suoi stabilimenti di lavorazione di Firenze e Piacenza. Accanto alla collezione uomo-donna incentrata sull’alta maglieria, Malo consolida nel corso del tempo nuove linee di prodotto che includono la pelletteria, le calzature, l’homewear e la linea bimbo.

Le Sfilate[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2006 per l’esordio in passerella Malo sceglie New York. La collezione autunno-inverno disegnata da Fabio Piras sfila durante la Fashion week, la Settimana della moda di New York[6]. Seguiranno le collezioni dei designers di moda Roberto Rimondi, Alessandro Dell'Acqua, Hamish Morrow, Saverio Palatella e Guglielmo Capone.

Sedi Malo[modifica | modifica wikitesto]

La sede istituzionale Malo è a Campi Bisenzio, nella provincia di Firenze, dove tutt’oggi si trovano la direzione, lo studio stilistico e quello di progettazione, oltre ai reparti di produzione, di controllo qualità, i magazzini e la logistica. Le presentazioni del prêt-à-porter si svolgono presso lo showroom di Milano. Attualmente il marchio Malo è presente in 5 Paesi europei (Italia, Francia, Germania, Principato di Monaco, Spagna) negli USA, in Cina, Giappone e Corea[7].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Myword.it - Il portale dell'intrattenimento
  2. ^ IL CASHMERE VA A CANESSA - Repubblica.it » Ricerca
  3. ^ Tutti i misteri del crack di It Holding: storia di un fallimento annunciato - Il Sole 24 ORE
  4. ^ Malo di Borgonovo: Paparo "A breve il confronto in Provincia" - Piacenza24
  5. ^ MALO GENTRY PORTOFINO: nasce il " polo " cashmere
  6. ^ Malo, il cashmere diventa scultura - Video - Corriere TV
  7. ^ http://www.malo.it/it/stores.html

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]