Malcontenta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Malcontenta
frazione
La villa Malcontenta
La villa Malcontenta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Veneto-Stemma.png Veneto
Provincia Provincia di Venezia-Stemma.png Venezia
Comune Mira (Italia)
Venezia-Stemma.png Venezia
Territorio
Coordinate 45°26′12″N 12°12′20″E / 45.436667°N 12.205556°E45.436667; 12.205556 (Malcontenta)Coordinate: 45°26′12″N 12°12′20″E / 45.436667°N 12.205556°E45.436667; 12.205556 (Malcontenta)
Abitanti (Mira)     2 560
(Venezia) 903[1] (31-12-2012 e 31-12-2010)
Altre informazioni
Cod. postale 30034 (Mira)
30176 (Venezia)
Prefisso 041
Fuso orario UTC+1
Circoscrizione Municipalità di Marghera (Venezia)
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Malcontenta

La Malcontenta è una località della provincia di Venezia, divisa in due dal Naviglio del Brenta. Ha la specificità di essere sia una frazione del comune di Mira (area a sud del Naviglio), sia una località del comune di Venezia (municipalità di Marghera, area a nord).

Questa situazione riflette gli effetti del R.D. 15 luglio 1926 n° 1317 e del G.U. n. 183 del 9 agosto 1926, con cui il governo Mussolini incorporava la località Fusina e parte della Malcontenta al comune di Venezia; al contempo, quest'ultimo acquisiva anche i territori dei comuni soppressi di Mestre, Chirignago, Zelarino e Favaro Veneto.

Sin dal passato la Malcontenta ha rappresentato un importante punto di passaggio lungo il percorso fluviale che mette in comunicazione Venezia a Padova: all'altezza del centro si dirama dal Brenta il canale Bondante, che sfocia nella laguna veneta. In località Dogaletto caratteristiche sono le numerose cavane, tipiche rimesse per imbarcazioni da barena.

Luoghi di interesse[modifica | modifica sorgente]

Frazione di Mira[modifica | modifica sorgente]

  • la famosa Villa Foscari, detta appunto la "Malcontenta".
  • la grande caserma del corpo dei Lagunari
  • la scuola Materna
  • la scuola Media
  • il cimitero

Località di Venezia[modifica | modifica sorgente]

  • la chiesa parrocchiale di Sant'Ilario, erede canonica dell'Abbazia Sant'Ilario;
  • la zona industriale;
  • la località di Fusina, affacciata sulla laguna, con l'imbarcadero per Venezia
  • la scuola elementare
  • il centro culturale "al Canevon"

La chiesa[modifica | modifica sorgente]

Il titolo religioso dell'abbazia Sant'Ilario (che sorgeva nei pressi di Dogaletto) è passato nel 1919 alla chiesa della Malcontenta, nel passato dipendente dalla chiesa di Gambarare e dal 1924 parrocchia della diocesi di Venezia (vic. di Gambarare). Dal 1949 la chiesa della Malcontenta ha ripreso il titolo abbaziale.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica sorgente]

Il trasporto pubblico a Malcontenta è gestito mediante autocorse svolte da ACTV.

Fra il 1885 e il 1954 La cittadina rappresentò località di diramazione della tranvia Padova-Malcontenta-Fusina, gestita dalla Società delle Guidovie Centrali Venete (gruppo Società Veneta); giunti a Malcontenta i convogli tranviari potevano proseguire per la stazione ferroviaria di Mestre o per Fusina, dove trovavano coincidenza con i battelli per Venezia gestiti dalla Società Veneta Lagunare, anch'essa controllata dalla Società Veneta.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Dati Statistici, Comune di Mira. URL consultato il 21 marzo 2014.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Venezia Portale Venezia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Venezia