Malapa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Malapa
Malapa Fossil Site, Cradle of Humankind
Malapa fossil site, August 2011 site of discovery of Australopithecus sediba - view North.jpg
Malapa vista da sud, agosto 2011
Stati Sudafrica Sudafrica
Regioni Gauteng
Comuni Muldersdrift
Gestore Cradle of Humankind Management Authority e privati

Malapa è una grotta contenente reperti fossili situata circa 15 km a nordest dei famosi siti archeologici di Sterkfontein e Swartkrans, e circa 45 km a nord-nordovest di Johannesburg, Sudafrica. Fa parte del patrimonio dell'umanità dell'UNESCO noto come Culla dell'umanità.

Studi[modifica | modifica wikitesto]

Nel marzo 2008 Lee Berger dell'università del Witwatersrand, Sudafrica, svolse degli studi nella culla dell'umanità fuori Johannesburg, al fine di mappare le grotte conosciute identificate da lui e dai suoi colleghi nei decenni precedenti, piazzando poi i dati su Google Earth per renderli accessibili ai colleghi.[1] L'area è importante per il fatto che circa un terzo delle prove dell'origine umana in Africa provengono da questa regione. La zona è probabilmente una delle più esplorate in Africa alla ricerca delle origini dell'uomo, ed è stata continuamente studiata fin dalle prime scoperte avvenute nel 1935.[2]

All'inizio di questo progetto esistevano circa 130 grotte conosciute, e circa 20 depositi di fossili.[1] Nel 2008, lo schema di distribuzione delle grotte visto su Google Earth da Berger, il riconoscimento di come appaiono viste da satellite, e molto lavoro sul campo portarono Berger a scoprire quasi 500 nuove grotte che gli scienziati non avevano ancora tracciato o identificato.[1] In queste grotte furono trovati 25 siti di fossili ancora sconosciuti alla scienza, tutti in quella che probabilmente è la zona più esplorata dell'Africa. Berger vi portò il geologo Paul Dirks, a quei tempi a capo della School of GeoSciences dell'università del Witwatersrand, per gestire gli aspetti geologici del suo progetto esplorativo.[1] Alla fine di luglio Berger notò su Google Earth una serie di grotte che correvano lungo una faglia che terminava in un'area vuota, un'area che sembrava contenere gruppi di alberi che tipicamente segnalavano i depositi.[1] Il 1º agosto lasciò il professor Dirks a mappare le grotte già conosciute, ed andò a visitare la nuova zona col suo cane Tau, un ridgeback che lo seguiva in quasi tutte le sue spedizioni.[1] Quasi subito scoprì un ricco sito di fossili sconosciuto, nelle vicinanze di oltre tre dozzine di altre grotte apparentemente non note ai precedenti studiosi della zona.[1]

Panorama della valle di Malapa, riserva naturale di Malapa, Sudafrica (2012). Il sito di Malapa si trova nella valle sotto la collina

Il 15 agosto il professor Berger tornò al sito con i suoi studenti post-dottorato, Job Kibii ed il figlio di nove anni di nome Matthew. Nel giro di pochi minuti Matthew scoprì il primo resto di un antico nostro antenato, una clavicola. Sul lato opposto del sito Berger scoprì una mandibola completa di un canino appartenuta ad un ominide. I reperti furono subito identificati come parte di uno scheletro di ominide giovane, attorno ai 9-13 anni di età.[3]

Il 4 settembre 2008 Berger tornò presso il sito con oltre una dozzina di colleghi, e qui scoprì un secondo scheletro parziale di femmina adulta.[3]

Fossili recuperati[modifica | modifica wikitesto]

Il sito ha prodotto una delle più ricche collezioni di reperti umani mai trovate, compresi gli scheletri più completi di ominidi mai scoperti, e i resti più completi di ominidi con circa 2 milioni di anni di vita.[3] Sono stati datati oltre 200 elementi.[3] Gli scheletri parziali sono stati inizialmente descritti in due articoli pubblicati su Science da Berger e dai colleghi come nuove specie di antenati umani, chiamati australopithecus sediba (sediba indica le sorgenti naturali o i pozzi di Sotho).[3] Gli autori degli articoli affermarono che le specie scoperte erano buoni candidati per essere considerati l'anello tra gli uomini-scimmia dell'Africa meridionale (australopithecus africanus, il figlio di Taung, Mrs. Ples) e l'homo habilis o un antenato diretto dell'homo erectus (ragazzo di Turkana, uomo di Giava, Homo erectus pekinensis).[4] Queste specie avevano lunghe braccia, come le scimmie, mani tozze e forti, un bacino molto sviluppato e lunghe gambe in grado di fare lunghi passi e forse correre come gli umani.

Gli scheletri furono trovati tra altri di tigri dai denti a sciabola, antilopi, topi e lepri.[2]

Geologia[modifica | modifica wikitesto]

I fossili sono conservati in un solido blocco di sedimenti calcificati che si sono formati sul fondo di quello che sembra essere stato un lago superficiale, che a quei tempi era di circa 50 metri nel sottosuolo.[2] Non si sa come questi scheletri finirono nella pozza, ma sembra che abbiano subito una rovinosa caduta.[2][4]carnivorisaprofagi ne raggiunsero i corpi.[2]

Datazione dei depositi[modifica | modifica wikitesto]

I fossili sono stati datati utilizzando una combinazione di paleomagnetismo e piombo-uranio (U-Pb) da Andy Herries (La Trobe University, Australia), Robyn Pickering (Università di Melbourne, Australia) e Jan Kramers (Università di Johannesburg, Sudafrica). La datazione U-Pb dei sedimenti calcarei fa capire che i fossili non sono più vecchi di 2 milioni di anni fa. La presenza di animali estinti circa 1,5 milioni di anni fa ne definisce invece il limite di datazione superiore. I sedimenti posseggono una polarità magnetica 'normale', ed il solo periodo principale in cui accadde tra i 2 e gli 1,5 milioni di anni fa fu l'Olduvai sub-Chron (tra 1,95 e 1,78 milioni di anni fa), per cui nel 2010 i fossili furono datati attorno a 1,95 milioni di anni fa, basandosi su alcuni sedimenti e sulla stratigrafia del sito.[2] Nel 2011 fu effettuata una datazione più accurata, quando si scoprì un sedimento calcareo troppo vecchio per permettere di datarlo al periodo Olduvai. La data dei depositi fu posta in un intervallo di circa 3000 anni centrati su 1,977 milioni di anni fa, noto come Pre-Olduvai.[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g Patel, Wits scientists reveal new species of hominid, University of the Witwatersrand, 8 aprile 2010.
  2. ^ a b c d e f Dirks et al., Geological Setting and Age of Australopithecus sediba from Southern Africa, Science, 2010.
  3. ^ a b c d e Berger et al., Australopithecus sediba: A New Species of Homo-Like Australopith from South Africa, Science, 2010.
  4. ^ a b Geologists Uncover Major Ancient Human Ancestor in South Africa, National Science Foundation, 8 aprile 2008.
  5. ^ Shirona Patel, New evidence suggests that Au.sediba is the best candidate for the genus Homo, University of the Witwatersrand, 8 settembre 2011. URL consultato il 9 settembre 2011.