Malacologia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La malacologia (dal greco μαλακός malakós, "molle" e -λογία -logía, da λόγος lógos, "discorso") è la branca della zoologia che studia i molluschi, mediante l'osservazione dei carapaci (i gusci) e, soprattutto, delle parti molli. La branca della malacologia che si occupa delle sole conchiglie si definisce concologia.

Quando i caratteri esterni del mollusco, soprattutto quelli conchigliari, non sono sufficienti alla determinazione, la malacologia si serve dell'indagine microscopica. In questo caso la determinazione avviene mediante l'osservazione al microscopio dell'apparato riproduttivo e dell'apparato masticatorio detto radula.

Le parti molli, che un tempo si conservavano sotto formalina, oggi si conservano in alcol denaturato.

Pubblicazioni periodiche[modifica | modifica wikitesto]

  • Malacologia Mostra Mondiale, rivista del Museo Malacologico Piceno di Cupra Marittima dal 1987.
  • Bollettino malacologico della Società Italiana di Malacologia (1965 - ...), fino al 1978 con il titolo Conchiglie
  • La Conchiglia, Roma (1969 - ...)
  • Argonauta (edito da Associazione Malacologica Internazionale)

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

molluschi Portale Molluschi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di molluschi