Makoto Kobayashi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il designer, vedi Makoto Kobayashi (designer).
Makoto Kobayashi
Medaglia del Premio Nobel Nobel per la fisica 2008

Makoto Kobayashi (小林誠 Kobayashi Makoto?) (Nagoya, 7 aprile 1944[1][2]) è un fisico giapponese, molto conosciuto per il suo lavoro sulla violazione CP.

Il suo articolo "CP Violation in the Renormalizable Theory of Weak Interaction" (1973) scritto in collaborazione con Toshihide Maskawa è il terzo articolo più citato nell'ambito della fisica delle alte energie (dati 2006)[3] La matrice Cabibbo-Kobayashi-Maskawa, che definisce i parametri di mixing fra i quark, fu il risultato di questo lavoro. Ha vinto il Premio Nobel per la fisica nel 2008, congiuntamente con Toshihide Maskawa e Yoichiro Nambu.[4]

L'Ansatz CKM postulò l'esistenza di una terza generazione di quark. L'ipotesi fu confermata sperimentalmente quattro anni dopo, con la scoperta del Quark bottom.

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Cavaliere dell'Ordine della Cultura - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine della Cultura

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Makoto Kobayshi, Kō Enerugī Kasokuki Kenkyū Kikō, 6 luglio 2007. URL consultato il 4 ottobre 2008.
  2. ^ (EN) Lillian Hoddeson, Flavor Mixing and CP Violation in The Rise of the Standard Model, Cambridge University Press, 1977, p. 137. ISBN 0-521-57816-7. URL consultato il 4 ottobre 2008.
  3. ^ (EN) Top Cited Articles of All Time (2006 edition)
  4. ^ (EN) The Nobel Prize in Physics 2008

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]