Maigret sotto inchiesta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Maigret sotto inchiesta
Titolo originale Maigret se défend
Altri titoli Maigret si difende
Autore Georges Simenon
1ª ed. originale 1964
1ª ed. italiana 1967
Genere Romanzo
Sottogenere Giallo
Lingua originale francese
Serie Romanzi con Maigret protagonista
Preceduto da Maigret e il fantasma
Seguito da La pazienza di Maigret

Maigret sotto inchiesta (titolo originale francese Maigret se défend, pubblicato in traduzione italiana anche col titolo Maigret si difende) è un romanzo di Georges Simenon con protagonista il commissario Maigret.

Il romanzo è stato scritto dal 21 al 28 luglio 1964 a Epalinges in Svizzera e pubblicato per la prima volta nel novembre dello stesso anno in Francia presso l'editore Presses de la Cité.

È il sessantatreesimo romanzo dedicato al celebre commissario.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Una telefonata nel cuore della notte sveglia Maigret, che viene impietosito dalla storia di una giovane provinciale che, dopo varie peripezie, si trova sola e senza denaro per la prima volta a Parigi e gli chiede aiuto. Le cose però non sono affatto come sembrano e il commissario si trova in breve accusato dalla ragazza, in realtà Nicole Prieur, nipote del maître des requêtes al Consiglio di Stato, di aver tentato di sedurla. Maigret viene chiamato dal prefetto a rendere conto del suo operato e si richiedono persino le sue dimissioni. Nonostante gli venga proibito, comincia ad indagare, ma vienne sorvegliato dai suoi stessi colleghi e la mattina successiva costretto a darsi malato; proseguirà il resto dell'inchiesta senza alcun aiuto. L'inchiesta personale condurrà Maigret a sospettare di François Melan, un dentista affetto da turbe psicologiche che pratica anche aborti clandestini, oltre a macchiarsi di crimini sessuali. Sentendosi erroneamente braccato da Maigret, che, a causa di un'altra indagine su un giro di banconote false per il quale è sospettato l'ormai anziano e malato falsario Manuel Palmari, si era trovato per diversi giorni proprio di fronte all'ambulatorio del medico, Melan ha deciso di ordire la messa in scena per liberarsi del commissario servendosi di Nicole Prieur, a sua volta implicata nelle sue attività illegali. Maigret, chiarendo il mistero, riuscirà a riabilitarsi.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

Il romanzo è stato pubblicato per la prima volta presso l'editore Presses de la Cité nel 1964.

In Italia è apparso per la prima volta nel 1967, tradotto da Elena Cantini e pubblicato da Mondadori nella collana "Le inchieste del commissario Maigret" (n° 28). Sempre per lo stesso editore è stato ripubblicato in altre collane o raccolte tra gli anni sessanta e novanta[1]. Nel 2009 il romanzo è stato pubblicato presso Adelphi, tradotto da Fernanda Littari, con il titolo Maigret si difende, nella collana dedicata al commissario (parte de "gli Adelphi", al n° 344).

Film e televisione[modifica | modifica wikitesto]

Il romanzo è stato adattato almeno sei volte per la televisione:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Le edizioni dei "Maigret"

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]