Maigret e il sergente maggiore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Maigret e il sergente maggiore
Titolo originale Les caves du Majestic
Altri titoli I sotterranei del Majestic
Autore Georges Simenon
1ª ed. originale 1942
1ª ed. italiana 1960
Genere Romanzo
Sottogenere Giallo
Lingua originale francese
Ambientazione Parigi e Cannes
Protagonisti commissario Maigret
Coprotagonisti Lucas, Janvier
Antagonisti Prosper Donge
Altri personaggi Jean Ramuel, Oswald Clark
Serie Romanzi con Maigret protagonista
Preceduto da Maigret
Seguito da Maigret e la casa del giudice

Maigret e il sergente maggiore (titolo originale francese Les caves du Majestic, pubblicato in traduzione italiana anche col titolo I sotterranei del Majestic) è un romanzo poliziesco di Georges Simenon, con protagonista il Commissario Maigret.

È il ventesimo romanzo dedicato al celebre commissario ed è ambientato a Parigi e in piccola parte a Cannes. Simenon torna a scrivere un romanzo con protagonista Maigret dopo cinque anni: l'ultimo romanzo da lui scritto era infatti Maigret del 1934. Ed è, a detta dei critici, un ritorno in grande stile: ne I sotterranei del Majestic infatti, il ritmo della narrazione e la suspense sono sapientemente coordianti, così come sono ben caratterizzati i personaggi che si muovono all'interno di un messinscena tra le più convincenti[1].

L'autore sceglie come ambientazione per questo romanzo un hotel, lo stesso già utilizzato per Pietro il Lettone, primo romanzo con protagonista Maigret. Anche se allora (fine anni '30) esisteva effettivamente un Hôtel Majestic, al 19 di avenue Kléber (nel XVI arrondissement nelle vicinanze dell'Arco di Trionfo, Simenon immagina che l'azione si svolga in realtà all'Hôtel Claridge, al 74 di avenue des Champs-Élysées (nell'VIII), semplicemente cambiandone il nome in "Majestic". Il luogo dell'Hôtel Claridge è confermato proprio all'interno del romanzo, dalla descrizione delle vie prossime all'hotel stesso[2].

Trama[modifica | modifica sorgente]

Una donna viene trovata strangolata nei sotterranei dell'hotel. È una signora francese ma sposata ad un ricco americano e con la sua famiglia risiede nell'albergo. Il giorno seguente viene trovato morto sempre nei sotterranei anche il portiere notturno dell'hotel. Il barista che ha ritrovato il cadavere, tale Prosper Donge, è sospettato di aver commesso il reato e viene arrestato su ordine del giudice istruttore.

Maigret, non convinto della sua colpevolezza, indaga su tutto il personale che lavora nella struttura e sugli ospiti dell'albergo. L'indagine rivela che tra la donna morta e Prosper Donge c'è stata in passato una relazione dalla quale è nato un bambino, ritenuto però da tutti figlio del marito americano. Ricostruendo varie storie del passato di alcuni dipendenti dell'albergo Maigret riesce a scoprire il colpevole nella persona di Jean Ramuel, un contabile dell'albergo, e lo arresta mentre questi sta progettando la fuga all'estero. Jean Ramuel ricattava la donna spacciandosi per Prosper Donge e la uccide per evitare che incontri nuovamente il suo vecchio amante. Il portiere di notte avendo assistito all'omicidio viene anche lui ucciso dal medesimo assassino.

Edizioni[modifica | modifica sorgente]

Il romanzo è stato scritto a Nieul-sur-Mer nel dicembre del 1939 e pubblicato per la prima volta in Francia il 15 ottobre 1942, all'interno della raccolta Maigret revient... contenente anche altri due romanzi su Maigret, Un'ombra su Maigret e Maigret e la casa del giudice[3] con il quale il commissario passava alla casa editrice Gallimard.

In Italia è apparso per la prima volta a puntate, nella traduzione di Maria Napolitano Martone, con il titolo di I sotterranei del Majestic, dal 1º dicembre 1949 al 16 marzo 1950 su "Settimo giorno". In volume è uscito la prima volta nel 1960, con il titolo Maigret e il sergente maggiore, tradotto da Roberto Cantini e pubblicato da Mondadori nella collana "I romanzi di Simenon" (n° 143)[4]. Sempre per lo stesso editore è stato ripubblicato in altre collane o raccolte tra gli anni sessanta e novanta[5] (dal 1990 nella traduzione di Emanuela Fubini). Nel 1998 il romanzo è stato pubblicato presso Adelphi, con il titolo I sotterranei del Majestic, tradotto da Elena Vicari Fabris, nella collana dedicata al commissario (parte de "gli Adelphi", al n° 140).

Film e televisione[modifica | modifica sorgente]

Dal romanzo è tratto il film Les caves du Majestic del 1945, per la regia di Richard Pottier, con Albert Préjean nel ruolo di Maigret. Il film non è mai stato distribuito in Italia.

Almeno quattro, invece, sono stati gli adattamenti del romanzo per la televisione:

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Eskin, op. cit., p. 190
  2. ^ (EN) Maigret of the Month: Les Caves du Majestic. URL consultato il 4 gennaio 2010.
  3. ^ (FR) Maigret revient... - Recueil de romans, Notice bibliographique. URL consultato il 4 gennaio 2010.
  4. ^ Eskin, op. cit., p. 405
  5. ^ Le edizioni dei "Maigret"

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]