Mahidevran

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Mahidevran, nota anche come Gülbahar (1498 circa – 3 febbraio 1581), fu la prima moglie del sultano Solimano il Magnifico e madre del suo primo figlio Şehzade Mustafa.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dell'infanzia di Mahidevran, si sa solo che nacque in Albania e che era appartenente a una famiglia dell'aristocrazia islamica Albanese. Era la figlia di, a quei tempi, un famoso compositore Albanese di nome Abdullah Recai. Il suo nome di infanzia era Rosne Pranvere. Solimano poi le diede il nome Turco-Persiano di Mahidevran Gülbahar, composto dalle parole Gül: Rosa e Bahar: Primavera. Per la sua bellezza poi prese pure il titolo di più bella di tutto l'Impero Ottomano.Solimano era ancora principe ereditario e governatore di Manisa (allora conosciuta come Saruhan), quando diede alla luce suo figlio nel 1515. Quando Selim I morì nel 1520 Solimano divenne il nuovo sultano e la famiglia si trasferì ad Istanbul.

Nell'harem di Istanbul, si ritrovò presto a fronteggiare una rivale molto influente, Roxelana che ben presto dimostrò di essere la concubina preferita e poi la moglie legale di Solimano. Roxelana diede alla luce il suo primo figlio Mehmet nel 1522 e poi Selim (futuro sultano Selim II) nel 1524. Così lo status di Mahidevran come madre del figlio unico del sultano fu gravemente scosso.[1] Una baruffa tra le due donne, nella quale Mahidevran ebbe la meglio su Roxelana, rese le cose ancora peggiori e Solimano, adirato per il suo comportamento, la inviò fuori da Istanbul con il figlio Mustafa.

Secondo la tradizione turca, tutti i principi dovevano fare tirocinio come governatori di provincia come parte della loro formazione di futuro sultano. Mustafa venne inviato ad Amasya e Mahidevran lo seguì. Verso la fine del lungo regno di Solimano, la rivalità tra i suoi figli divennero evidente (o almeno questo era ciò che il vecchio sultano credeva). Mustafa venne accusato di fomentare disordini e durante la campagna contro la Persia nel 1553, venne fatto uccidere dal sultano.

Dopo la morte di suo figlio, per diversi anni, Mahidevran visse una vita di stenti. Non possedendo quasi alcun reddito di suo. Si trasferì a Bursa dove era la tomba del figlio. Tuttavia i suoi ultimi anni non furono vissuti in condizioni di povertà, per merito di Selim II. Il nuovo sultano, salito al trono nel 1566, che era suo figliastro, gli concesse una rendita vitalizia. Morì nel 1580 o 1581.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Encyclopedia of the Ottoman Empire
  2. ^ Breve biografia di Mahidevran

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]