Magnolia denudata

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Magnolia denudata
Magnolia denudata1.jpg
M. denudata in fiore.
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Ordine Magnoliales
Famiglia Magnoliaceae
Genere Magnolia
Specie M. denudata
Nomenclatura binomiale
Magnolia denudata
Desr., 1792
Sinonimi

Magnolia conspicua
Salisb., 1806
Magnolia heptapeta
(Buc'hoz) Dandy, 1934
Yulania denudata
D. L. Fu, 2001

Nomi comuni

Magnolia yulan

La Magnolia denudata (Desr., 1792), chiamata anche magnolia yulan, è una pianta decidua originaria della Cina centrale ed orientale.[1] È utilizzata come pianta ornamentale.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Piccolo albero a foglie caduche che può presentare portamento arbustivo, fittamente ramificato e dalla chioma espansa; può raggiungere i 25 m in altezza.[1] Ha foglie obovate, di un verde brillante, lunghe 15 cm e large 8 cm. La corteccia è di colore grigio scuro. In primavera, sul tronco ancora spoglio, produce fiori bianchi di 10-16 cm, con fragranza di limone.

Usi[modifica | modifica sorgente]

È utilizzata come pianta ornamentale nei giardini dei templi buddisti della Cina dal VII secolo. Durante la dinastia Tang i suoi fiori assunsero a simbolo di purezza e fu piantata nei giardini del palazzo imperiale. È il fiore ufficiale della città di Shangai.

È stata introdotta in Inghilterra nel 1789 da Joseph Banks e negli Stati Uniti intorno al 1814.[2]

Nel 1820, Étienne Soulange-Bodin ha ottenuto da essa l'ibrido Magnolia × soulangeana, con fiori rosa e dalla forma a calice, anch'essa molto usata a scopo ornamentale.[3]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b (EN) Nianhe Xia, Yuhu Liu, Hans P. Nooteboom, Yulania denudata in Flora of China, Missouri Botanical Garden, St. Louis, MO & Harvard University Herbaria, Cambridge, MA. URL consultato il 3 novembre 2013.
  2. ^ (EN) James R. Cothran, Gardens and Historic Plants of the Antebellum South, Univ of South Carolina Press, 2003, p. 222, ISBN 9781570035012.
  3. ^ Enrico Banfi, Francesca Cosolino, Magnolia di Soulange in Alberi. Conoscere e riconoscere tutte le specie più diffuse di alberi spontanei e ornamentali., De Agostini, 2012, p. 128, ISBN 9788841876831. URL consultato il 4 novembre 2013.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica