Magnitudine di eclissi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Un'eclissi anulare con magnitudine inferiore a 1,0.

La magnitudine di eclissi è la frazione di diametro del corpo eclissato (ad esempio il sole nelle eclissi solari) ad essere coperto dal corpo eclissante. Questa definizione si applica sia alle eclissi solari che a quelle lunari[1].

Non deve essere confusa con l'oscuramento di eclissi, che è invece la percentuale totale, di superficie (espressa a volte in decimali) del corpo eclissato ad essere coperta[1].

Spiegazione[modifica | modifica sorgente]

Durante un'eclissi parziale o anulare la magnitudine è sempre tra 0,0 e 1,0 mentre oltre questo numero se ne ha una totale.

Se la magnitudine è inferiore a 0,0 non c'è nessuna eclissi.


Esempi[modifica | modifica sorgente]

Eclissi solari[modifica | modifica sorgente]

Magnitudine Esempio
1,50 Eclissi totale, il sole è coperto completamente, è quasi buio.
1,0 Eclissi totale, il sole è coperto completamente, c'è poca luce.
0,5 Eclissi parziale/anulare, il diametro del sole è coperto per metà, luce solare minore del solito.
0,1 Eclissi parziale, il 10% del diametro del sole è coperto, non si nota quasi se non si guarda il cielo.
0,0 o meno Nessuna eclissi, situazione ordinaria, la luna è lontana dal sole.

Eclissi lunari[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b (EN) NASA-Glossary of solar eclipse terms
astronomia Portale Astronomia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di astronomia e astrofisica