Magnesite (minerale)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Magnesite
Magnesite.jpg
Classificazione Strunz V/B.02-30
Formula chimica MgCO3
Proprietà cristallografiche
Gruppo cristallino  
Sistema cristallino trigonale
Classe di simmetria  
Parametri di cella  
Gruppo puntuale 3 2/m
Gruppo spaziale R 3c
Proprietà fisiche
Densità 3,0 g/cm³
Durezza (Mohs) 3,5 - 4,5
Sfaldatura in romboedri (1011)
Frattura concoide
Colore bianco, giallastro o grigiastro
Lucentezza vitrea o sericea
Opacità translucida o trasparente
Striscio blu o verde
Diffusione comune
Si invita a seguire lo schema di Modello di voce - Minerale

La magnesite è un minerale fondamentale per il reperimento del magnesio e di tutti i suoi sali derivati, appartenente al gruppo della calcite.

Abito cristallino[modifica | modifica sorgente]

Raramente in cristalli romboedrici di colore bianco.

Origine e giacitura[modifica | modifica sorgente]

Viene originata dalla modificazione attraverso l'acqua (composta di anidride carbonica, talco e clorite) di rocce ultrafemiche (prevalentemente peridotiti e serpentine).

Forma in cui si presenta in natura[modifica | modifica sorgente]

L'aspetto prevalente è quello di una massa compatta, microcristallina e porcellanata, scalenoedrica.

Varietà[1]:

  • breunnerite, con Fe CO3 compreso tra il 5 ed il 30%[1]
  • mesitina, con Fe CO3 compreso tra il 30 ed il 50%, più vicina, come formula rispetto alla breunnerite, alla siderite[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c Autori Vari, Magnesite in "Come collezionare i minerali dalla A alla Z, Vol. 2º", pag. 432-433, Peruzzo editore (1988), Milano

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

mineralogia Portale Mineralogia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mineralogia