Magister militum

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Magister militum per Thracias)
Magister militum
La struttura di comando dell'esercito tardo imperiale, con ruoli separati tra il magister equitum ed il magister peditum al posto del successivo ruolo complessivo di magister militum (per il comando dell'armata dell'Impero romano d'Occidente
La struttura di comando dell'esercito tardo imperiale, con ruoli separati tra il magister equitum ed il magister peditum al posto del successivo ruolo complessivo di magister militum (per il comando dell'armata dell'Impero romano d'Occidente
Descrizione generale
Attiva fine IV secolo - VI secolo
Nazione Roma Antica
Tipo comandante delle forze provinciali: ce n'erano cinque in Oriente.

[senza fonte]

Voci su unità militari presenti su Wikipedia

Magister militum (in latino: "maestro dei soldati") era un grado usato nel tardo Impero romano entrato in uso dalla fine del regno di Costantino I[1] e poi evolutosi con Teodosio I. Era l'equivalente romano del generale di corpo d'armata.

Funzione[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Riforma costantiniana dell'esercito romano.

Con questa riforma prima Costantino I, poi i suoi eredi, ed infine Teodosio, decentrarono il comando in ogni provincia, affidandolo appunto ad un magister militum; in precedenza invece il comando delle forze di fanteria imperiali era affidato ad un magister peditum mentre il comando della cavalleria era affidato ad un magister equitum (organizzazione inizialmente voluta da Costantino I, rielaborata nella seconda parte del suo regno, in funzione dei suoi quattro Cesari, poi tre Augusti, che dal 335-337 ereditarono il suo impero).

Il titolo era seguito dal nome della diocesi su cui esercitava potere militare (esempi: magister militum per Thracias, magister militum per Gallias). Il termine usato da solo, o meglio magister militum praesentalis indicava il comandante supremo dell'esercito romano che dirigeva le operazioni anche sul campo di battaglia. Secondo la Notitia dignitatum ce n'erano ben 5 in Oriente:

  1. Magister militum praesentalis I, che controllava 2 duci per l'Egitto[2] (dux Thebaidos[3] e dux Libyarum) e 1 comes limitis Aegypti;[2]
  2. Magister militum praesentalis II, da cui dipendeva 1 duce per il Ponto[2] (dux Armeniae) ed un altro comes per Isauriam;[2]
  3. Magister militum per Orientem, da cui dipendevano 6 duci per l'Oriente (dux Foenicis,[4] dux Syriae,[5] dux Palaestinae,[6] dux Osrhoenae,[7] dux Mesopotamiae,[8] dux Arabiae[9]);[2]
  4. Magister militum per Thracias, da cui dipendevano 2 duci per la Tracia[2] (dux Moesiae secundae e dux Scythiae);
  5. Magister militum per Illyricum, da cui dipendevano 2 duci per l'Illirico[2] (dux Daciae ripensis e dux Moesiae primae).

Al contrario in Occidente viene menzionato un solo comandante militare supremo, il magister equitum per Gallias,[10] che comandava il comes tractus Argentoratensis, il dux Belgicae secundae, il dux Germaniae primae, il dux Mogontiacensis, il dux Sequanicae ed il dux tractus Armoricani et Neruicani. Ma secondo recenti studi potrebbe esserci stato anche un Magister militum praesentalis per l'Occidente.

Questa iniziale suddivisione risalirebbe a Costantino I ed i suoi eredi, prevedendo:

Ricoprirono la influente carica di magister militum i grandi generali tardo-romani quali: Stilicone, Ricimero, Flavio Ezio. A volte il suo ruolo fu più importante di quello dell'imperatore stesso, soprattutto nell'Impero Romano d'Occidente, in cui l'azione combinata delle pressioni barbariche e della crisi sociale aveva reso il potere imperiale sempre meno influente.

Qui di seguito viene riportata una possibile evoluzione della carica di Magister militum quale sintesi di quanto sopra riportato:

Evoluzione della carica di Magister militum
da Costantino I a Costanzo II (312-361)
dal 312 al 317
magister peditum e magister equitum[11]
Costantino I
Augusta Treverorum, Roma, Mediolanum
Licinio
dal 318 al 324
Magister militum per Gallias[12]
Crispo[12]
Augusta Treverorum e Mediolanum
magister peditum e magister equitum[11]
Costantino I
Serdica e Sirmium
Licinio
dal 325 al 334
Magister militum per Gallias
Costantino II
Augusta Treverorum
Magister militum per Illyricum (?)
Serdica e Sirmium
Magister militum praesentalis[13]
Costantino I
Nicomedia e Costantinopoli
Magister militum per Orientem (?)
Antiochia
dal 335 al 337
Magister militum per Gallias[14]
Costantino II
Augusta Treverorum
Magister militum per Illyricum[14]
Costante I
Sirmium (?)
Magister militum praesentalis
Costantino I
Costantinopoli
Magister militum per Thracias
Dalmazio
Serdica (?)
Magister militum per Orientem[14]
Costante II
Antiochia
dal 337 al 340
Magister militum per Gallias
Costantino II
Augusta Treverorum
Magister militum praesentalis[14]
Costantino II
Magister militum per Illyricum
Costante I
Magister militum praesentalis[14]
Costante I
Magister militum per Thracias
Costante I
Magister militum praesentalis[14]
Costanzo II
Magister militum per Orientem
Costanzo II
dal 340 al 350
Magister militum per Gallias
Costante I
Augusta Treverorum
Magister militum praesentalis
Costante I
Mediolanum (?)
Magister militum per Illyricum
Costante I
Magister militum per Thracias
Costanzo II
Magister militum praesentalis
Costanzo II
Magister militum per Orientem
Costanzo II
dal 350 al 352
Magister militum per Gallias
Magnenzio
Magister militum praesentalis
Magnenzio
Magister militum per Illyricum
Magnenzio
Magister militum per Thracias
Costanzo II
Magister militum praesentalis
Costanzo II
Magister militum per Orientem
Costanzo II
dal 353 al 354
Magister militum per Gallias
Costanzo II
Augusta Treverorum
Magister militum per Illyricum
Costanzo II
Magister militum praesentalis
Costanzo II
Magister militum per Thracias
Costanzo II
Magister militum praesentalis
Costanzo Gallo
(come Cesare)
Magister militum per Orientem
Costanzo Gallo
dal 354 al 355
Magister militum per Gallias
Costanzo II
Augusta Treverorum
Magister militum per Illyricum
Costanzo II
Magister militum per Thracias
Costanzo II
Magister militum praesentalis
Costanzo II
Magister militum per Orientem
Costanzo II
dal 356 al 361
Magister militum per Gallias
Flavio Giuliano
Augusta Treverorum
Magister militum praesentalis
Flavio Giuliano
(come Cesare)
Magister militum per Illyricum
Costanzo II
Magister militum per Thracias
Costanzo II
Magister militum praesentalis
Costanzo II
Magister militum per Orientem
Costanzo II
dal 361 al 363
Magister militum per Gallias
Giuliano
Augusta Treverorum
Magister militum per Illyricum
Giuliano
Magister militum per Thracias
Giuliano
Magister militum praesentalis
Giuliano
Magister militum per Orientem
Giuliano
dal 364 al 367
Magister militum per Gallias
Valentiniano I
Magister militum praesentalis
Valentiniano I
Magister militum per Illyricum
Valentiniano I
Magister militum per Thracias
Valente
Magister militum praesentalis
Valente
Magister militum per Orientem
Valente
dal 367 al 375
Magister militum per Gallias
Graziano
Augusta Treverorum
Magister militum praesentalis
Graziano
Magister militum per Illyricum
Valentiniano I
Magister militum praesentalis
Valentiniano I
Magister militum per Thracias
Valente
Magister militum praesentalis
Valente
Magister militum per Orientem
Valente
dal 375 al 378
Magister militum per Gallias
Graziano
Augusta Treverorum
Magister militum praesentalis
Graziano
Magister militum per Illyricum
Valentiniano II
Magister militum praesentalis
Valentiniano II
Magister militum per Thracias
Valente
Magister militum praesentalis
Valente
Magister militum per Orientem
Valente
dal 379 al 383
Magister militum per Gallias
Graziano
Augusta Treverorum
Magister militum praesentalis
Graziano
Magister militum per Illyricum
Valentiniano II
Magister militum praesentalis
Valentiniano II
Magister militum per Thracias
Teodosio I
Magister militum praesentalis
Teodosio I
Magister militum per Orientem
Teodosio I
dal 383 al 387
Magister militum per Gallias
Magno Massimo
Augusta Treverorum
Magister militum praesentalis
Valentiniano II
Magister militum per Illyricum
Valentiniano II
Magister militum praesentalis
Teodosio I
Magister militum per Thracias
Teodosio I
Magister militum praesentalis
Arcadio
Magister militum per Orientem
Arcadio
dal 387 al 388
Magister militum per Gallias
Magno Massimo
Augusta Treverorum
Magister militum praesentalis
Magno Massimo
Magister militum per Illyricum
Magno Massimo
Magister militum praesentalis
Teodosio I
Magister militum per Thracias
Teodosio I
Magister militum praesentalis
Arcadio
Magister militum per Orientem
Arcadio
dal 388 al 392
Magister militum per Gallias
Valentiniano II
Magister militum praesentalis
Valentiniano II
Magister militum per Illyricum
Teodosio I
Magister militum praesentalis
Teodosio I
Magister militum per Thracias
Teodosio I
Magister militum praesentalis
Arcadio
Magister militum per Orientem
Arcadio
dal 392 al 394
Magister militum per Gallias
Flavio Eugenio
Magister militum praesentalis
Flavio Eugenio
Magister militum per Illyricum
Teodosio I
Magister militum praesentalis
Teodosio I
Magister militum per Thracias
Teodosio I
Magister militum praesentalis
Arcadio
Magister militum per Orientem
Arcadio
dal 394 al 395
Magister militum per Gallias
Onorio
Magister militum praesentalis
Onorio
Magister militum per Illyricum
Teodosio I
Magister militum praesentalis
Teodosio I
Magister militum per Thracias
Teodosio I
Magister militum praesentalis
Arcadio
Magister militum per Orientem
Arcadio
al tempo della Not.Dign. 400
Magister militum per Gallias[15]
Magister militum praesentalis (III ?)[15]
= M.peditum[16]+M.equitum[17]
Magister militum per Illyricum[15]
Magister militum praesentalis I[15]
Magister militum per Thracias[15]
Magister militum praesentalis II[15]
Magister militum per Orientem[15]

Lista di magistri militum[modifica | modifica sorgente]

Qui di seguito una lista dei magistri militum dalla morte di Costantino I (337) a quella di Teodosio I (395).

Nominativo Posizione Periodo in carica Commenti Fonti letterarie
Costante I (337–350)
Salia magister equitum Console 348 Demandt p.562
Vetranione magister peditum fino al 350 Demandt pp.562 ss.
Magnenzio (350–353)
Gaisone magister equitum 350–351 probabilmente morto presso Mursa Demandt p.563
Romulo magister peditum 350–353? Demandt pp.563 ss.
Costanzo II (337–361)
Ermogene magister equitum ?–342 342 ucciso in una rivolta Demandt p.564
Sallustio Bonoso magister peditum, magister equitum Console 344 Demandt pp.564 ss.
Flavio Eusebio magister equitum et peditum ?–fino al 353 Console 347 Demandt p.365; PLRE I 307 ss.; RE VI,1, 1366 (Seeck)
Arbizione magister equitum 351/54–362 Console 355 Demandt pp.567; 581 ss.; PLRE I 94f.; RE II,1 412 (Seeck)
Claudio Silvano magister peditum ?–355 ucciso a Colonia da un usurpatore Demandt pp.567 ss.; RE III A,1 125 ss. (Seeck)
Barbazione magister peditum ?–359 359 Demandt pp.568 ss.; PLRE I 146 ss.; RE III,1 1f. (Seeck)
Agilone magister peditum 359–362 sotto Giuliano Demandt p.581; PLRE I 28 ss.; RE I,1 809 (Seeck)
Ursicino magister equitum per Orientem ca. 350–360 Demandt pp.569 ss.; RE IX A,1 1058ff. (Lippold)
Lucilliano magister equitum per Illyricum 359–361 nominato da Giuliano Demandt pp.570 ss.; 575 ss.
Sabiniano magister equitum per Orientem 359–? Demandt pp.572 ss.
Marcello magister equitum per Gallias 355–inverno 356/357 Demandt pp.573 ss.; RE XIV,2 1491 (Enßlin)
Severo magister equitum per Gallias 356/357–dopo il 358 Demandt p.574
Lupicino magister equitum per Gallias 358/9–360/1 sostituito da Giuliano Demandt pp.574 ss.
Gomoario magister equitum per Gallias 360/1–361 sostituito da Giuliano Demandt p.575
Flavio Claudio Giuliano (360–363)
inizialmente con Arbizione e Agilone
Nevitta magister equitum per Gallias (nominalmente) 361–363 Console 362 Demandt p.580; PLRE I 626 ss.
Flavio Valente Giovino magister equitum per Illyricum et per Gallias 361–fine del 369 Console 367 Demandt pp.580 ss.; 588–90
Ormisda magister equitum 362–363 Demandt p.581
Vittore magister equitum 362–364 Demandt p.582
Arinteo magister peditum 362–364 Demandt p.583
Gioviano (363–364)
continuano Giovino, Vittore e Arinteo
Lucilliano magister equitum (?) 363 già magister militum sotto Costanzo, impiegato nuovamente Demandt p.585
Lupicino magister equitum per Orientem 363–364 già magister militum sotto Costanzo, impiegato nuovamente Demandt pp.585 ss.
Dagalaifo magister equitum (?) 363–366 successore di Lucilliano; Console 366 Demandt pp.585 ss.; PLRE I 239
Valentiniano I (364–375)
coadiuvato da Giovino (fino al 369); Dagalaifo (fino al 366)
Equizio magister militum per Illyricum 365– Console 374 Demandt pp.588 ss.
Flavio Teodosio magister equitum per Gallias Fine del 369– Demandt pp.590 ss.
Sebastiano magister peditum –378 Morto ad Adrianopoli
Graziano (375–383)
Bautone magister equitum 380–fino al 388 Console 385 Demandt p.600 ss.; RE III,1, 176 (Seeck); PLRE I 159f.; Enßlin 132 ss.
Valentiniano II (375–392)
Merobaude magister militum praesentialis 375-388?
Flavio Eugenio (392-394)
Arbogaste magister militum praesentialis 388-394
Teodosio I (379–395)
Flavio Saturnino magister militum per Thracias 382 (o prima)-388 Console 383
Bacurio d'Iberia? magister militum per Thracias (?) 388-394
Ricomere magister militum per Orientem 383-388 Console 384
Timasio magister peditum et equitum 388-395? Console 389
Ricomere magister militum praesentialis 388-393 Console 384
Stilicone magister militum per Illyricum 392-394? Console 400 e 405
Abundanzio magister utriusque militae 392–393 Console 393 RE I,1, 126 (Seeck); PLRE I 4f.
Addeo magister militum per Orientem 393-396
Stilicone (per l'Occidente)[1] magister militum praesentialis[1] 394-408
Nominativo Posizione Periodo in carica Commenti Fonti letterarie

Impero romano d'Oriente (dopo il 395)[modifica | modifica sorgente]

Praesentialis[modifica | modifica sorgente]

Praesentalis I

A questi vanno aggiunti Lucio, tra il 408 e il 450, e Idubingo tra il 466 e il 493.[18]

Praesentalis II

Per Orientem[modifica | modifica sorgente]

Sono attestati anche Giordane alla fine IV/inizio V secolo o a metà del V secolo, e Urbicio Barbato alla fine V/inizio VI secolo.[19]

Impero romano d'Occidente (dopo il 395)[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d G. Cascarino, L'esercito romano. Armamento e organizzazione, Vol. III - Dal III secolo alla fine dell'Impero d'Occidente, pp. 51-53, 70-74 e 234-235.
  2. ^ a b c d e f g Not.Dign., Orien., I.
  3. ^ Not.Dign., Orien., XXXI.
  4. ^ Not.Dign., Orien., XXXII.
  5. ^ Not.Dign., Orien., XXXIII.
  6. ^ Not.Dign., Orien., XXXIV.
  7. ^ Not.Dign., Orien., XXXV.
  8. ^ Not.Dign., Orien., XXXVI.
  9. ^ Not.Dign., Orien., XXXVII.
  10. ^ Not.Dign., Occ., I.
  11. ^ a b Zosimo, Storia nuova, II, 33.3.
  12. ^ a b G. Cascarino, L'esercito romano. Armamento e organizzazione, Vol. III - Dal III secolo alla fine dell'Impero d'Occidente, p. 51.
  13. ^ Y. Le Bohec, Armi e guerrieri di Roma antica. Da Diocleziano alla caduta dell'impero, Roma 2008, p. 110
  14. ^ a b c d e f G. Cascarino, L'esercito romano. Armamento e organizzazione, Vol. III - Dal III secolo alla fine dell'Impero d'Occidente, p. 52.
  15. ^ a b c d e f g G. Cascarino, L'esercito romano. Armamento e organizzazione, Vol. III - Dal III secolo alla fine dell'Impero d'Occidente, pp. 234-235.
  16. ^ Notitia Dignitatum, Occ., I e V.
  17. ^ Notitia Dignitatum, Occ., I e VI.
  18. ^ Jones, p. 1290.
  19. ^ Jones, p. 1291.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Fonti antiche
Fonti moderne
  • Alexander Demandt, Magister militum, in Paulys Realencyclopädie der classischen Altertumswissenschaft (RE), XII, Stuttgart 1970, pp. 553–790.
  • Wilhelm Enßlin, Zum Heermeisteramt des spätrömischen Reiches, parte II, Die magistri militum des 4. Jahrhunderts, in Klio 24, 1931, pp. 102–147; parte III, Der magister utriusque militiae et patricius des 5. Jahrhunderts, in Klio 24, 1931, pp. 467–502.
  • Paulys Realencyclopädie der classischen Altertumswissenschaft (RE), Metzler, Stuttgart 1894–1978.
  • Jones, Arnold Hugh Martin, John Robert Martindale, John Morris, The Prosopography of the Later Roman Empire, volume 2, Cambridge University Press, 1992, ISBN 0-521-20159-4.