Magdalo Mussio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Magdalo Mussio (Volterra, 1925Civitanova Marche, 12 agosto 2006) è stato un artista italiano.

Magdalo Mussio è nato a Volterra (PI) nel 1925. Dopo aver compiuto studi di Architettura a Firenze, frequenta l'Accademia di Belle Arti della stessa città. Il suo esordio espositivo avviene nel 1955 con una mostra, presentata da Giuseppe Ungaretti, alla Galleria «L'lndiano» di Firenze[1]. Negli anni successivi Mussio viaggia frequentemente in Francia, Canada e Stati Uniti, occupandosi di Teatro, Editoria e Cinema. Il suo interesse per un'espressione artistica che coinvolga immagine e parola, per produrre una sintesi poetica all'interno del contesto visivo, si concretizza in una serie di libri, pubblicati a partire dal 1968, tra i quali: «In Pratica» (Lerici, 1968), «Praticabile per Memoria Concreta» (Lerici, 1970), «Il Corpo Certo o il Luogo di una Perdita» (Nuova Foglio, 1975), «Scritture» (Nuova Foglio, 1977). È stato un protagonista delle ricerche sull'unione tra parola e immagine anticipando in Italia l’arte concettuale[2]. È stato anche Redattore Responsabile della rivista d'arte Marcatré (Edizioni Lerici)[3]. Le sue "scritture visuali" sono esposte al Finch Museum, New York (“Italian Visual Poetry”) e al Centre Pompidou, Parigi (“Identitè Italienne: l’Art en Italie depuis 1959”)[4].

Dopo successive esperienze editoriali Mussio si stabilisce nelle Marche. A questa attività alterna l'insegnamento presso l'Accademia di Belle Arti di Macerata. Dopo aver vissuto per circa un trentennio nella campagna maceratese, nel 2005 si stabilisce a Civitanova Alta (MC) dove continua a portare avanti la sua ricerca artistica. Muore il 14 agosto 2006.

Pubblicazioni, Edizioni numerate e libri d'artista[modifica | modifica wikitesto]

  • Il fastidio delle parole, Edition d'écriture, Paris, 1968.
  • In pratica, Marcalibri, Lerici, Roma, 1968.
  • Praticabile per memoria concreta, Lerici, Roma, 1970.
  • Il corpo certo e il luogo di una perdita, La Nuovo Foglio, Macerata, 1975.
  • Scritture, La Nuovo Foglio, Macerata, 1977.
  • Memoria artificiale, Piano Inclinato, La nuovo Foglio, Macerata, 1978.
  • Il numero dimenticato, Piano inclinato, La Nuovo Foglio, Macerata, 1978.
  • L'immagine dell'immagine, Piano inclinato, Falconiere, Macerata-Ancona, 1978.
  • Rottura dell'identico, copia unica, 1977/81.
  • Elogio alle desolate rassegnazioni, Le Parole gelate, Roma, 1980.
  • Le parole rampanti, n. 0 della rivista, Le Parole Gelate, Roma, 1984.
  • Chiarevalli, Monodico, (1963-1986), Le Parole Gelate, Liberilibri, Roma-Macerata, 1986.
  • Magdalo Mussio, Giovanna Sandri, Il numero dimenticato, Delle memorie ortogonali, Le Parole Gelate, Roma, 1988.
  • Chiarevalli, Monodico (1963-1986), Edizione del Falconiere, Ancona, 1992.
  • Appunto per un effimero, Le Parole Gelate, Roma, 1996.
  • Le trame delle parole, Incursioni poetiche, n. 5, le Parole Gelate, Ampezzo, 1997.
  • Visioni altere, erratica, Edizioni Anterem, Verona, 2000.
  • Appunto, in transito, Appunto, sperimento. Appunto, l'indifferenziato. Appunto, l'ombre che attraversa, Edizioni Una Luna, Ancona, 2001.
  • Appunto ..., ombre di pensiero figurato per un effimero, Tecniche del ragno, Ancona, 2004.


Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ edizioniriccardi.com
  2. ^ cultura.marche.it
  3. ^ sdz.aiap.it
  4. ^ edizioniriccardi.com

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • A cura di Bruno Di Marino, Marco Meneguzzo, Andrea La Porta, Lo sguardo espanso. Cinema d'artista italiano 1912-2012, Silvana Editoriale, 2012

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 43126608

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie