Madrigale spirituale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Un madrigale spirituale è un madrigale, un pezzo musicale simile-madrigale, dotato di un testo di genere sacro piuttosto che profano. La maggior parte degli esempi datano dal tardo Rinascimento all'inizio del Barocco, e soprattutto provengono dall'Italia e dalla Germania.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

I madrigali spirituali sono stati quasi sempre destinati ad un pubblico di amatori colti, spesso aristocratici. Essi venivano eseguiti in case private, accademie, e corti di nobili in Italia e nei paesi adiacenti, ma quasi certamente non vennero utilizzati dal punto di vista liturgico. Il madrigale spirituale era una composizione a cappella, anche se con accompagnamento strumentale in alcune rare occasioni, soprattutto dopo il 1600.

Nel corso della controriforma si ebbe, in una certa misura, una reazione contro la secolarizzazione dell'arte della musica in Italia, Spagna e nel sud cattolico della Germania. Anche se questo non ha impedito la composizione di musica profana, anzi l'esplosione di forme e stili della musica profana continuarono senza sosta. Molti compositori iniziarono ad adattare le forme profane più avanzate, in materia di composizione, per l'uso religioso. A volte, madrigali esistenti vennero semplicemente dotati di un testo religioso, di solito in latino, senza altri cambiamenti (tali adattamenti sono chiamati "contrafacta"). Alcuni dei madrigali spirituali raggiunsero vette di intensità espressiva ed emotiva almeno pari a quelle dei migliori madrigalisti nelle loro composizioni profane.

La forma fu probabilmente incoraggiata dai gesuiti; molte collezioni vennero dedicate a loro, specialmente negli anni 1570 e 1580.

Alcuni famosi esempi di madrigali spirituali comprendono il sublime Lagrime di San Pietro di Orlando di Lasso (Monaco di Baviera, 1595); Vergine bella di Guillaume Dufay, (ca. 1470) su poema di Petrarca; Giovanni Pierluigi da Palestrina, Primo libro di madrigali (1581), anch'esso su poemi mariani di Petrarca; Carlo Gesualdo, Tenebrae Responsories (1611); e l'enorme collezione di Giovanni Francesco Anerio, Teatro armonico spirituale (Roma, 1619).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • "Madrigale spirituale", in The New Grove Dictionary of Music and Musicians, ed. Stanley Sadie. 20 vol. London, Macmillan Publishers Ltd., 1980. ISBN 1-56159-174-2
  • Gustave Reese, Music in the Renaissance. New York, W.W. Norton & Co., 1954. ISBN 0-393-09530-4