Madonna dei Garofani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Madonna dei Garofani
Madonna dei Garofani
Autore Raffaello
Data 1506-1507 circa
Tecnica olio su tavola
Dimensioni 27,9 cm × 22,4 cm 
Ubicazione National Gallery, Londra

La Madonna dei Garofani è un dipinto a olio su tavola di tasso (27,9x22,4 cm) di Raffaello Sanzio, databile al 1506-1507 circa e conservato nella National Gallery a Londra.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Di una Madonna dei Garofani di Raffaello si era sempre avuta notizia e se ne conoscono almeno 50 copie, oltre a varie incisioni a stampa. Non si conosceva invece l'originale fino agli approfonditi studi prima dell'acquista da parte del museo londinese.

L'opera si trovava nel XIX secolo nella collezione del pittore Vincenzo Camuccini e in un inventaruio degli anni 1850 l'opera è descritta come realizzata per Maddalena degli Oddi a Perugia, dai cui eredi era stata acquistata da un nobiluomo francese nel 1636 e portata oltralpe. Tale notizia, sebbene non verificabile, è sembrata plausibile alla maggior parte degli studiosi: trattandosi di una piccola opera per la devozione privata di una nobildonna (già committente di Raffaello per la grande Pala degli Oddi), è ammissibile che se ne fossero perse le tracce. La datazione proposta per la sua realizzazione si colloca dopo la realizzazione della Pala degli Oddi, nell'ultima fase in cui l'artista lavorò a commissioni perugine prima di venire assorbito dai lavori in Vaticano, più o meno contemporaneamente alla realizzazione della Pala Baglioni.

L'opera nella collezione Camuccini era comunque ritenuta una delle tante copie, nonostante una prima pubblicazione da parte del Longhena come autografa (1829), a cui non credette il Passavant, che la vide a Roma nel 1835. Lo stesso Camuccini non era certo dell'autografia dell'opera, almeno prima di trattare l'acquisto col quarto duca del Northumberlan Algernon Percy (1854), quando ne asserì l'originalità per alzarne il prezzo. Da allora fu conservata nel castello di Alnwick nel Northumberland.

Gli studi successivi seguirono per lo più l'ipotesi del Passavant, e ci furono vari tentativi di trovare l'originale tra altre Madonne della serie. Nel 1992 infine la Madonna di Alnwick fu ripubblicata Nicholas Penny con attribuzione a Raffaello e sottoposta ad accurati esami scientifici.

Una riflettografia a infrarossi ha dimostrato l'esistenza sottostante di un disegno di alta qualità, pienamente compatibile con lo stile di Raffaello, con alcuni suoi stilemi ben riconoscibili, come le piccole curve usate per tracciare le nocche delle mani, i segni a uncino per indicare le pieghe dei panni, il tratteggio per le zone d'ombra, nonché l'uso di una punta metallica, strumento utilizzato di frequente dall'artista. Pare inoltre che l'artista disegnò a mano libera sulla base del dipinto, forse aiutandosi con un cartone solo per lo schema generale (di cui comunque non c'è traccia rilevabile). Si nota un pentimento nel vestito della Madonna, indizio di per sé illuminante dell'originalità dell'opera, poiché tali ripensamenti non appaiono nelle copie. Altre modifiche in corso d'opera, relative alla stesura, sono state rilevate al microscopio. Con lo stesso strumento si è anche indagata la composizione dei pigmenti, che è risultata pienamente compatibile con quelli in uso in Italia nel Rinascimento, tra cui il grigio di bismuto, utilizzato pressoché esclusivamente all'inizio del XVI secolo nell'Italia centrale.

L'opera è stata acquistata nel 2004 dal museo londinese con l'aiuto di vari sponsor e grazie anche a un appello pubblico per reperire i fondi.

Descrizione e stile[modifica | modifica sorgente]

Il piccolo quadretto nato per la devozione privata mostra la Madonna col Bambino entro una stanza che interagiscono teneramente scambiando alcuni fiorellini rossi di garofano, simbolo del sangue della Passione ma anche del matrimonio di Cristo con la Chiesa (simboleggiata da Maria stessa). Nella stanza si intravede un letto a baldacchino, simbolo della verginità di Maria, mentre una finestra permette di ammirare un luminoso paesaggio esterno, riprendendo un motivo fiammingo filtrato probabilmente da Leonardo da Vinci (immediato è il richiamo alla Madonna Benois e alla Madonna del Garofano).

Madre e figlio hanno abbandonato ogni formalità, lasciandosi andare in un atteggiamento teneramente intimo e familiare.

Raffaello trasforma questo argomento familiare in qualcosa di completamente nuovo. La madre e figlio non sono più raffigurati in pose rigide e formali, come nei dipinti di artisti precedenti, ma sono visualizzate tutte le emozioni che ci si può aspettare tra una giovane madre e il figlio.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

arte Portale Arte: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di arte