Maddalena penitente (Caravaggio)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Maddalena penitente
Maddalena penitente
Autore Michelangelo Merisi da Caravaggio
Data 1594-1595
Tecnica olio su tela
Dimensioni 122,5 cm × 98,5 cm 
Ubicazione Galleria Doria Pamphilj, Roma

La Maddalena penitente è il soggetto di un dipinto eseguito da Caravaggio attorno al 1594-1595 e conservato nella Galleria Doria Pamphilj di Roma.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La committenza[modifica | modifica wikitesto]

Il dipinto, di cui non si hanno certezze circa la committenza, fu realizzato tra il 1594 e il 1595, quando Caravaggio risiedeva con Giuseppe Cesari e Fantino Petrignani.[1] Nel 1627, il dipinto fu inventariato nel Guardarobba [sic] del cardinal Pietro Aldobrandini. Il dipinto divenne poi parte della collezione Doria-Pamhilj in seguito al matrimonio (1640) di Olimpia Aldobrandini con Camillo Pamphilj. In questa circostanza, infatti, il dipinto entrò nella quadreria Pamphilj in quanto parte della dote di Olimpia. Grazie all’inventario, sappiamo anche che il quadro era corredato di una cornice dorata e decorata con le stelle araldiche Aldobrandini. Nonostante le informazioni sulla committenza siano ancora da chiarire, alcuni studiosi hanno ipotizzato che il dipinto sia nato in seno alla committenza del cardinal Francesco Maria Bourbon del Monte, che possedeva anche una copia della sensuale Maddalena di Tiziano e che, Nel 1598-99, Caravaggio fu incaricato di raffigurare, dal cardinale, l'altra sua amata santa, S. Caterina d'Alessandria.[2]

La modella[modifica | modifica wikitesto]

Anche in questo dipinto, sembra che Caravaggio abbia ritratto Anna Bianchini, una delle prostitute che Caravaggio frequentava e che più di una volta utilizzò come modelle per i suoi dipinti.[3] L'ipotesi identificativa si basa sulla descrizione della prostituta Anna Bianchini con la quale Caravaggio ebbe un rapporto piuttosto turbolento e con cui scambiò oscenità in un'osteria, nella cui circostanza sembra che Anna abbia addirittura portato via un dipinto con una Maddalena dipinta da Caravaggio (nulla prova però che sia questa) dal suo studio.[Chi narra questo episodio? Manca la fonte.] Anna aveva diciassette anni, era di bassa statura e aveva lunghi e bei capelli rossicci, come si vede appunto nel quadro.[4] Anna Bianchini posò, forse, anche per altre opere, quali la Morte della Vergine, Marta e Maria Maddalena (come Marta) e il Riposo durante la fuga in Egitto (per la figura della Vergine).[5]

Analisi del dipinto[modifica | modifica wikitesto]

Particolare.

Il dipinto raffigura una giovane ragazza, seduta su di una sedia bassa, con le mani sul proprio grembo. Il dipinto è così descritto da Giovanni Pietro Bellori: «Dipinse una fanciulla a sedere sopra una seggiola, con le mani in seno in atto di asciugarsi li capelli, la ritrasse in una camera, ed aggiungendovi in terra un vasello di unguenti, con monili e gemme, la finse per Maddalena».[6] Alla sua destra vi è una natura morta di gioielli sul pavimento. Essi sembrano alludere al rifiuto della vanità e del peccato. Accanto ai gioielli, una bottiglia trasparente e chiusa, conntenente un liquido che la riempie per tre quarti. Secondo il romanziere Peter Robb, Bellori avrebbe erroneamente affermato che la fanciulla-santa si stia asciugando i capelli; ella, invece, sarebbe ritratta penitente, come sembrano indicare l'espressione triste e piangente ed i gioielli gettati a terra.[7] Lo sguardo della donna non è rivolto all'osservatore, ma verso il basso, in una posizione che è stata paragonata ad alcune rappresentazioni tradizionali di Gesù Cristo crocifisso.[8] Una lacrima scende lungo la guancia al lato del naso. Per ciò che riguarda la luce, lo studioso Maurizio Calvesi pone in evidenza come la luce (allegoria della salvezza divina) che irrompe nel buio della stanza (cioè del peccato) simboleggi la redenzione della Maddalena.[9]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ John L. Varriano, Caravaggio: the art of realism, 2006, p.110. Giulio Mancini, Considerazioni sulla pittura, 1956, p.347.
  2. ^ Per le notizie riguardanti i proprietari della Maddalena penitente, si veda Maurizio Marini, Michelangelo Merisi da Caravaggio "pictor praestantissimus", 1987, p.391. Sulla proprietà del cardinal del Monte, si veda Christoph Liutpold Frommel, Mario Minniti e il Cardinal Francesco Maria del Monte, 1996, p.24-25.
  3. ^ John L. Varriano, Caravaggio: the art of realism, 2006, p. 94.
  4. ^ Christoph Liutpold Frommel, Mario Minniti e il Cardinal Francesco Maria del Monte, 1996, p.24. I documenti del Tribunale Criminale di Roma riguardanti Anna, sono pubblicati da Riccardo Bassanie Fiora Bellini, Caravaggio assassino: la carriera di un "valenthuomo" fazioso nella Roma della Controriforma, 1994, p.50-57. Si veda anche Ingrid D. Rowland, From heaven to Arcadia: the sacred and the profane in the Renaissance, 2005, p. 159, e Peter Robb, M: l'enigma Caravaggio, 2001, p.273.
  5. ^ Si veda John L. Varriano, Caravaggio: the art of realism, 2006, p.94 e Peter Robb, M: l'enigma Caravaggio, 2001, p.80.
  6. ^ Giovanni Pietro Bellori, Le vite de' pittori, scultori e architetti moderni, 1976, p.215
  7. ^ Peter Robb, M: l'enigma Caravaggio, 2001, p.86
  8. ^ Kimberley C. Pattone John Stratton Hawley, Holy tears: weeping in the religious imagination, 2005, p.219.
  9. ^ Maurizio Calvesi, Caravaggio, " Arte e Dossier", Firenze, Giunti, 1986, p.24

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Riccardo Bassani and Fiora Bellini, Caravaggio assassino: la carriera di un "valenthuomo" fazioso nella Roma della Controriforma, Saggi. Storia e scienze sociali, Roma: Donzelli, 1994.
  • Giovanni Pietro Bellori, Le vite de' pittori, scultori e architetti moderni, a cura di E. Borea, I Millenni, Torino: G. Einaudi, 1976.
  • Christoph Liutpold Frommel, "Mario Minniti e il Cardinal Francesco Maria del Monte", Michelangelo Merisi da Caravaggio: la vita e le opere attraverso i documenti, a cura di S. Macioce, Roma: Logart press, 1996, p.18-41.
  • Giulio Mancini, Considerazioni sulla pittura, a cura di A. Marucchi e L. Salerno, Fonti e documenti inediti per la storia dell'arte (1), Roma: Accademia nazionale dei Lincei, 1956, 2 voll.
  • Maurizio Marini, Michelangelo Merisi da Caravaggio "pictor praestantissimus". La tragica esistenza, la raffinata cultura, il mondo sanguigno del primo Seicento, nell'iter pittorico completo di uno dei massimi rivoluzionari dell'arte di tutti i tempi, Roma: Newton Compton, 1987.
  • Kimberley C. Patton e John Stratton Hawley, Holy tears: weeping in the religious imagination, Princeton, NJ: Princeton University Press, 2005.
  • Peter Robb, M: l'enigma Caravaggio, Milano: Mondadori, 2001.
  • Ingrid D. Rowland, From heaven to Arcadia: the sacred and the profane in the Renaissance, New York [Berkeley, Calif.?]: New York Review Books; Distributed to the trade by Publishers Group West, 2005.
  • John L. Varriano, Caravaggio: the art of realism, University Park, Pa.: Pennsylvania State University Press, 2006.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

pittura Portale Pittura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pittura