Maddalena di Brandeburgo (1460-1496)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La lapide raffigurante Maddalena di Brandeburgo ed il marito Eitel Federico di Hohenzollern

Maddalena di Brandeburgo (Tangermünde, 1460Burg Hohenzollern, 17 giugno 1496) è stata una principessa di Brandeburgo ed una contessa consorte di Hohenzollern.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Maddalena era l'unica figlia del marchese Federico III di Brandeburgo (1424-1463) e di sua moglie Agnese (1436-1512), figlia del duca di Pomerania Barnim VIII.

Sposò il 17 giugno 1482 ,nel castello di Berlino, il conte Eitel Federico di Hohenzollern (1452-1512). Con queste nozze si legarono i due rami della casata degli Hohenzollern quella sveva e quella brandeburghese. Maddalena divenne così la capostipite delle casate principesche di Hohenzollern-Hechingen e di Hohenzollern-Sigmaringen.

Maddalena fu sepolta nella chiesa cattolica di San Giacomo a Hechingen. La sua lapide, posta accanto all'altare, fu creata probabilmente dallo scultore di Norimberga Peter Vischer, ed è da lei condivisa con il marito. Maddalena è qui rappresentata nel vecchio costume tedesco, con l'ordine del Cigno intorno al collo. Ai suoi piedi sta un cane, simbolo della fedeltà muliebre. Questa tomba rappresenta uno dei grandi tesori d'arte di Hechingen.

Discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Maddalena ed Eitel Federico ebbero i seguenti figli:

  • Wolfgang (1483/84-1517), conte von Hohenzollern, sposò intorno al 1503 la principessa Rosina di Baden (1487–1554)
  • Wandelberta (1484 circa-1551), sposò nel 1507 iL conte Alberto III di Hohenlohe-Weikersheim (morto nel 1551)
  • Gioacchino (1485/86-1538) sposò nel 1513 Anastasia von Stoffeln (morta nel 1530)
  • Maria Salomea (1488–1548), sposò nel 1507 il conte Luigi XV di Oettingen († 1557)
  • Eitel Federico III(1494-1525), conte di Hohenzollern, sposò nel 1515 Johanna von Witthem (morta nel 1544)
  • Anna (1496-1530), suora

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Ottmar F. Schönhuth: Die Burgen, Klöster, Kirchen und Kapellen Württembergs und der Preußisch-Hohenzollern'schen Landestheile mit ihren Geschichten, Sagen und Märchen, Fischhaber, 1860, S. 305 f.
  • Nachrichten über die Königliche Stammburg Hohenzollern: Mit 1 lithogr. Plan u. 8 Holzschnitten, Duncker, 1863, S. 46 (Digitalisat)
  • Paul Theodor Marck: Der Gräflich Fürstlich Königliche Stamm der Hohenzollern, G. Egersdorff, 1849, S. 49

Controllo di autorità VIAF: 220813019