Macula (oculistica)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni qui riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. Questa voce ha solo scopo illustrativo e non sostituisce il parere di un medico: leggi le avvertenze.

La macula (detta formalmente macula lutea) è la zona centrale della retina, la più sensibile agli stimoli luminosi.

Anatomia[modifica | modifica sorgente]

Mentre i coni sono più abbondanti a livello maculare, i bastoncelli sono invece predominanti nella periferia retinica. I primi sono responsabili della percezione dei colori e consentono la visione in 'alta definizione', mentre i secondi sono sensibili al movimento e vengono impiegati soprattutto per vedere in condizioni di scarsa luminosità (ad esempio all'imbrunire, quando i colori non si percepiscono più).

All'esame oftalmoscopico la macula si presenta come una 'macchia' di forma ovale ad asse verticale maggiore, di colore variabile dal giallo al biancastro, ma comunque più chiara rispetto alle regioni circostanti.

Topograficamente all'interno della macula si riconoscono altre due regioni concentriche, la fovea e la foveola, caratterizzate da un ulteriore aumento della quantità di coni e da una progressiva inclinazione di questi ultimi, che assumono una posizione quasi orizzontale. Questo fa sì che i recettori abbiano una migliore esposizione ai raggi luminosi.

Luteina e zeaxantina sono gli unici carotenoidi in grado di concentrarsi nella macula e prevenire la degenerazione maculare senile, attraverso tre meccanismi: assorbendo la luce di colore blu, disattivando i radicali liberi o aumentando la stabilità delle membrane cellulari.

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

La macula è la parte della retina preposta alla visione distinta e alla percezione dei dettagli.

Si tratta della regione con più elevata densità di fotorecettori (in questo caso principalmente i coni), cellule nervose fotosensibili deputate alla trasformazione dell'energia luminosa in impulsi elettrici. Questi ultimi partono dalla retina e viaggiano attraverso il nervo ottico, giungendo infine al cervello (in particolare nel lobo occipitale, collocato nella zona posteriore della testa), dove vengono interpretati come informazioni visive (immagini).

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]