Macrovipera mauritanica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Vipera della Mauritania
ViperaConfluentaPZSL1863.jpg
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Metazoa
Phylum Chordata
Classe Reptilia
Ordine Squamata
Sottordine Serpentes
Famiglia Viperidae
Sottofamiglia Viperinae
Genere Macrovipera
Specie M. mauritanica
Nomenclatura binomiale
Macrovipera mauritanica
(Duméril and Bibron, 1848)
Areale

Macrovipera mauritanica distribution.png

La vipera della Mauritania (Macrovipera mauritanica (Duméril and Bibron, 1848)) è un serpente appartenente alla famiglia dei Viperidi (sottofamiglia Viperinae).

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Grossa vipera con colore di fondo giallo sabbia o bruno, macchie più scure rotondeggianti distribuite lungo il dorso. Il ventre è crema bianco e la testa appare di forma molto triangolare. Può raggiungere e superare i 150 cm di lunghezza con il tronco largo fino a 7 cm.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Gli accoppiamenti si hanno ad aprile e le femmine partoriscono verso la fine di agosto

Si nutre di piccoli roditori e nidacei, è una vipera molto timida ma che non esita ad attaccare durante il periodo riproduttivo o se molestata ed è molto pericolosa per l'uomo. Il veleno di questa specie - come anche nella maggior parte dei viperidi - presenta una violenta azione emotossica ed emolitica.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Il suo areale comprende: Marocco, Algeria costiera e subcostiera e Tunisia settentrionale ed è facile incontrare questo serpente nei pendii assolati delle steppe sabbiose e rocciose.

Stato di conservazione[modifica | modifica wikitesto]

Questa specie è classificata come Near Threatened (NT) secondo la Red List of Threatened Species della IUCN[1]. Essa è stata classificata in questo modo in quanto si trova in uno stato di declino (ma ad un tasso di meno del 30% su dieci anni) a causa della persecuzione a cui è soggetta, della mortalità accidentale e dell'eccesso di caccia, e pertanto la situazione è molto vicina alla condizione di Vulnerable.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Miras, J.A.M., Joger, U., Pleguezuelos, J. & Slimani, T. 2006, Daboia mauritanica in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.2, IUCN, 2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

rettili Portale Rettili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rettili