Macropus robustus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Wallaroo orientale[1]
Macropus robustus2.jpg
Macropus robustus
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[2]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Infraclasse Metatheria
Superordine Australidelphia
Ordine Diprotodontia
Sottordine Macropodiformes
Famiglia Macropodidae
Sottofamiglia Macropodinae
Genere Macropus
Sottogenere (Osphranter)
Specie M. robustus
Nomenclatura binomiale
Macropus robustus
Gould, 1841

Il wallaroo orientale (Macropus robustus Gould, 1841), noto anche come wallaroo comune, wallaroo di collina o euro, è una grossa specie di Macropodide dall'aspetto molto variabile diffusa in gran parte del continente australiano[3].

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Il wallaroo orientale è un po' più piccolo del canguro rosso e dei canguri grigi, ma ha una struttura più massiccia. La lunghezza del corpo varia tra 75 e 140 cm, quella della coda tra 60 e 90 cm; il peso può arrivare a 36 kg. Esibisce un chiaro dimorfismo sessuale: il maschio ha dimensioni nettamente maggiori di quelle della femmina.

L'aspetto generale, come per la maggior parte dei canguri, è caratterizzato dalla coda lunga e forte, dalle zampe posteriori molto più grandi e muscolose di quelle anteriori, dal muso allungato e dalle grandi orecchie.

Il colore sul lato dorsale è grigio scuro e a volte quasi nero, mentre è più chiaro sul lato ventrale. Piedi e coda sono marrone scuro.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

È diffuso in tutta l'Australia, ma non in Tasmania. Vive anche nelle zone aride dell'Australia centrale.

Biologia[modifica | modifica sorgente]

È un animale in genere solitario, la cui attività si svolge di notte e all'alba; trascorre il giorno riposando all'ombra (per lo più di rocce, data la scarsa vegetazione del suo habitat)[3].

Come tutti i canguri, il wallaroo orientale è erbivoro; può nutrirsi di piante presenti nelle zone aride, come quelle del genere Spinifex, e può sopravvivere a lungo senza bere, con la sola acqua fornita dal cibo solido.

La gestazione dura circa 32 giorni; dopo la nascita il cucciolo trascorre da otto a nove mesi nel marsupio e raggiunge la maturità sessuale entro i due anni di età. Avvengono nascite ritardate: se la femmina concepisce subito dopo il parto, l'embrione non si sviluppa fino a quando il nato precedente non lascia il marsupio.

L'aspettativa di vita non supera i 20 anni.

Sottospecie[modifica | modifica sorgente]

Ne esistono quattro sottospecie[1]:

  • M. r. robustus - diffusa in Australia orientale. I maschi di questa sottospecie sono ricoperti da una pelliccia scura e ricordano moltissimo il wallaroo di Woodward (Macropus bernardus). Le femmine sono più chiare, quasi sempre di color sabbia[3].
  • M. r. erubescens - diffusa nelle regioni non occupate dalle altre sottospecie. Ha un aspetto molto variabile, ma quasi tutti gli esemplari sono di colore brunastro[3].
  • M. r. isabellinus - ristretta all'Isola di Barrow, nell'Australia Occidentale. Ha dimensioni relativamente piccole e pelliccia bruno-rossastra[3].
  • M. r. woodwardi - diffusa nel Kimberley, in Australia Occidentale, e in una fascia del Territorio del Nord. Con la sua colorazione grigio-bruna è la sottospecie dai toni più chiari[3].

Come specie il wallaroo orientale non è ritenuto minacciato, ma la sottospecie dell'Isola di Barrow (M. r. isabellinus) è classificata come vulnerabile[2].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Macropus robustus in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.
  2. ^ a b (EN) Lamoreux, J. & Hilton-Taylor, C. (Global Mammal Assessment Team) 2008, Macropus robustus in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.1, IUCN, 2014.
  3. ^ a b c d e f Peter Menkhorst, A Field Guide to the Mammals of Australia, Oxford University Press, 2001, p. 118.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi