Macropus dorsalis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Wallaby dalle strisce nere[1]
Macropus dorsalis
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[2]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Infraclasse Metatheria
Superordine Australidelphia
Ordine Diprotodontia
Sottordine Macropodiformes
Famiglia Macropodidae
Sottofamiglia Macropodinae
Genere Macropus
Sottogenere (Notamacropus)
Specie M. dorsalis
Nomenclatura binomiale
Macropus dorsalis
(Gray, 1837)

Il wallaby dalle strisce nere (Macropus dorsalis Gray, 1837), noto anche come wallaby di boscaglia, è un wallaby di medie dimensioni diffuso in Australia, in un'area che va da Townsville, nel Queensland, a Narrabri, nel Nuovo Galles del Sud. In quest'ultimo Stato si trova solamente a ovest della Grande Catena Divisoria. Il suo numero è piuttosto diminuito, ma non è ancora ritenuto minacciato.[3] La popolazione del Nuovo Galles del Sud, tuttavia, è considerata in pericolo.[4]

Il wallaby dalle strisce nere somiglia molto alla forma continentale di wallaby dal collo rosso; differisce da esso solo per la presenza di una striscia nera lungo il dorso, di due strisce bianche sui fianchi e per una colorazione più rossastra (la quale si estende verso il basso fino agli arti anteriori e all'addome).

È una specie timida e notturna, ma non si sa granché del suo comportamento, dato che vive preferibilmente nella fitta boscaglia, dove non è facilmente individuabile.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Macropus dorsalis in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.
  2. ^ (EN) Lamoreux, J. & Hilton-Taylor, C. (Global Mammal Assessment Team) 2008, Macropus dorsalis in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.2, IUCN, 2014.
  3. ^ a b Peter Menkhorst, A Field Guide to the Mammals of Australia, Oxford University Press, 2001, p. 120.
  4. ^ "NSW Department of Environment and Conservation Threatened Species"

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi