Macrocephalon maleo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Maleo
Stavenn Maleo.jpg
Stato di conservazione
Status iucn3.1 EN it.svg
In pericolo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Aves
Ordine Galliformes
Famiglia Megapodiidae
Genere Macrocephalon
Müller, 1846
Specie M. maleo
Nomenclatura binomiale
Macrocephalon maleo
Müller, 1846

Il maleo (Macrocephalon maleo Müller, 1846) è un uccello della famiglia dei Megapodiidi, endemico dell'isola di Sulawesi (Indonesia). È l'unica specie nota del genere Macrocephalon Müller, 1846.[2]

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

È un megapodio nerastro di medie dimensioni (circa 55 cm di lunghezza[senza fonte]), con pelle nuda facciale gialla, iride bruno-rossastra, becco arancio-rossastro e regioni ventrali rosa salmone. La sommità del capo è ornata da una sorta di casco nero. I piedi, di colore azzurro-grigiastro, sono muniti di quattro lunghi artigli affilati, separati da una membrana. I sessi sono quasi simili, ma le femmine sono più piccole e di colore più scialbo.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Il maleo è endemico dell'isola indonesiana di Sulawesi[1]. Si incontra nelle foreste tropicali, sia di pianura che di collina, ma nidifica in distese aperte di sabbia, suoli vulcanici o spiagge riscaldate dal sole o dall'energia geotermica, i quali forniscono il calore necessario all'incubazione. Altre specie di megapodio, invece, sfruttano a tale scopo mucchi di terriccio in decomposizione.

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Il maleo è monogamo e i membri di ciascuna coppia rimangono tutto il tempo vicini. La sua dieta comprende soprattutto frutta, semi, formiche, termiti, coleotteri e altri piccoli invertebrati.

Le uova del maleo sono grandi quasi cinque volte quelle del pollo domestico. La femmina le depone e ricopre in una profonda cavità nella sabbia e lascia che sia il calore solare o vulcanico a incubarle. Dopo la schiusa, i piccoli si aprono la strada attraverso la sabbia e corrono a nascondersi nella foresta. Già a pochi giorni di vita sono in grado di volare e divengono del tutto indipendenti: devono trovare da soli il cibo necessario, nonché difendersi dagli attacchi di predatori come lucertole, pitoni, maiali selvatici o gatti.

Conservazione[modifica | modifica sorgente]

La specie è protetta dal governo indonesiano fin dal 1972. A causa della continua perdita dell'habitat, dell'areale limitato, dell'elevato tasso di mortalità dei pulcini e, in alcune aree, della caccia sconsiderata, il maleo viene classificato tra le specie in pericolo dalla Lista rossa IUCN delle specie minacciate. La CITES lo colloca in Appendice I. Parte del suo areale ricade all'interno del Parco nazionale di Lore Lindu.

Nel 2009, la Wildlife Conservation Society, un'associazione ambientalista americana, insieme al governo locale, delineò un'area di spiaggia di 150.000 m² dove erano presenti circa 40 nidi di maleo, nel tentativo di fornire un'ulteriore protezione a questa specie.

Tuttora, la Alliance for Tompotika Conservation lavora con le comunità di Sulawesi per educare i locali sulle condizioni critiche del maleo e impedirne così la raccolta delle uova[3]. Esse non sono una delle fonti di cibo principali dei locali, ma costituiscono una prelibatezza molto popolare.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b (EN) BirdLife International 2012, Macrocephalon maleo in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2013.2, IUCN, 2013.
  2. ^ (EN) Gill F. and Donsker D. (eds), Family Megapodiidae in IOC World Bird Names (ver 4.1), International Ornithologists’ Union, 2014. URL consultato il 16 febbraio 2014.
  3. ^ http://www.tompotika.org

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

uccelli Portale Uccelli: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di uccelli