Macchina autoreplicante

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Una macchina autoreplicante è un costrutto artificiale che è teoricamente capace in modo autonomo di produrre una copia di se stesso usando materiali grezzi presi dall'ambiente. Il concetto di macchine autoreplicanti è stato avanzato ed esaminato da Homer Jacobsen, Edward F. Moore, Freeman Dyson, John von Neumann e più recentemente da Kim Eric Drexler nel suo libro sulla nanotecnologia, da Robert Freitas, da Ralph Merkle e da Frank Tipler.

Von Neumann ha anche lavorato su ciò che è chiamato "Costruttore universale", una macchina autoreplicante che opererebbe in un ambiente di automi cellulari.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

informatica Portale Informatica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di informatica