Macario (metropolita)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
San Macario di Mosca
Icona raffigurante Macario
Icona raffigurante Macario

Metropolita di Mosca

Nascita 1482
Morte 1563
Venerato da Chiesa ortodossa russa
Canonizzazione 1988
Ricorrenza 30 dicembre

Macario (Макарий in russo; al secolo - Макар, o Makar; 14821563) è stato un religioso, scrittore e iconografo russo che ricoprì la carica di Metropolita di Mosca e di tutta la Russia dal 1542 al 1563.

È venerato come santo dalla Chiesa ortodossa russa, che lo ricorda il 30 dicembre.

Giovinezza[modifica | modifica wikitesto]

Alla fine del XV secolo Macario fu ordinato monaco al monastero di San Paphnutius a Borovsk, dove inizialmente assunse il ruolo di "lettore" per poi passare a quello di aiuto ierodiacono, ierodiacono e ieromonaco. Qui Macario imparò l'arte della iconografia e divenne sostenitore e discepolo di Giuseppe Volotsky.

Nel 1523, il Metropolita Daniele lo innalzò al ruolo di archimandrita del monastero di Mozhaisk. Fu qui che Macario incontrò Vassili III di Russia. Fu uno dei pochi religiosi che appoggiò il divorzio tra Vassili e Solomonia Saburova, benedicendo il suo secondo matrimonio con Elena Glinskaja.

Nel 1526 Macario fu nominato Arcivescovo di Novgorod, dove pose in essere una politica pro-moscovita e un intenso lavoro di evangelizzazione delle tribù ugro-finniche che vivevano nei pressi della città. Nel 1541, insieme ad altri religiosi, pose alle stampe il Grand Minei-Cetii, opera di dodici volumi contenente le Vite dei santi Russi.

Metropolita di Russia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo essersi assicurato l'appoggio del Gran Principe Andrey Shuisky, Macario fu eletto il 16 marzo 1542 Metropolita di Mosca e di tutta la Russia. Durante l'infanzia del futuro zar Ivan IV e la reggenza di Shuisky, le relazioni di Macario con la Duma dei Boiari peggiorarono sempre di più tanto che tale organo cercò in tutti i modi di farlo rimuovere. Nell'estate del 1544 riuscì a salvarsi dal terribile incendio che aveva distrutto il Cremlino. Tre anni più tardi prese parte attiva al piano per rimuovere i parenti materni di Ivan, i Glinskij, dal governo della Russia.

Diventato il più vicino consigliere di Ivan il Terribile, Macario organizzò la sua incoronazione il 16 gennaio 1547. Lo stesso anno benedì le nozze dello zar con Anastasia Zakharyina-Yuriyeva. Macario fu inoltre un attivo membro dello Zemskij Sobor del 1547, 1549, e 1550, nel ruolo di riappacificatore tra le opposte fazioni boiare.

Durante la campagna di Kazan, avvenuta nel 1552, lo zar lasciò Macario a Mosca con il compito di "proteggere la dimora dello zar", facendolo temporaneamente diventare capo di stato. In quell'anno e nel 1554, Macario completò la seconda e la terza edizione del Grand Menaion. Durante l'assenza dello zar iniziò negoziazioni diplomatiche con le nazioni vicine e ordinò gli affreschi di quella che sarebbe poi diventata la cattedrale di San Basilio nel Cremlino. Dopo la sua morte, venne redatta la sua Vita e l'opera Il racconto degli ultimi giorni del Metropolita Macario, che forniscono informazioni sulla sua opera da un punto di vista agiografico. Fu glorificato a santo dalla Chiesa ortodossa russa nel 1988.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Metropolita di Mosca e di tutta la Rus' Successore OrthodoxCross.png
Ioasaf 15421563 Atanasio