Mabel Normand

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mabel Normand nel 1918

Mabel Normand, nome completo Mabel Ethelreid Normand (New Brighton, 9 novembre 1892Monrovia, 22 febbraio 1930), è stata un'attrice, sceneggiatrice, regista e produttrice statunitense.

Mabel Normand fu l’indiscussa regina della commedia durante l'epoca gloriosa e pionieristica del muto. L'appellativo di Charlot femmina, per quanto riduttivo, ben rende il valore del personaggio, una tra le prime grandi star del cinema, protagonista di una carriera sfolgorante e maledetta.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Mabel Normand nel 1918

Il giorno esatto della nascita di Mabel Normand è tuttora dubbio: secondo alcuni biografi il 16 novembre, mentre altri riportano il 19, altri ancora il 10. Dubbio anche l'anno di nascita: 1892 per alcuni, 1894 per altri; la lapide che ne custodisce le spoglie al Calvari Cemetery in California riporta il 1895. Incerto persino il giorno della sua morte: 22 febbraio, 23 febbraio per altri biografi, così come la città natale: Boston, oppure Providence, o Atlanta secondo altre fonti.

Mabel Normand era la più giovane dei tre figli sopravvissuti di Claude Normand, un pianista di origine francese, e di Mary Drury, di origine irlandese. Stante le note biografiche attribuite a Mack Sennett (l’amore della sua vita), la famiglia di Mabel era perennemente in movimento da un luogo ad un altro (il che spiegherebbe in parte l’incertezza circa i dati anagrafici).

Come asserisce Sennett, Mabel era una lettrice accanita, benché avesse ricevuto una scarsa istruzione; eccelleva inoltre nel nuoto ed era una discreta pianista.

Ancora adolescente, trovò occupazione in una tessitura di New York come tagliatrice, ma la precoce e vistosa bellezza le permise di diventare ben presto una modella per disegnatori e fotografi, a dispetto della statura piuttosto modesta: 1 metro e 55.

Il cinema era agli albori, e Mabel ne fu attratta; già nel 1910 ebbe la prima esperienza cinematografica, che ben presto l'avrebbe portata a partecipare a un centinaio di cortometraggi, prima alla Vitagraph, una delle prime case di produzione cinematografiche, e di seguito alla Biograph Company, dove era appena giunto anche un giovane e sconosciuto attore di belle speranze: Mack Sennett, destinato a diventare il re della commedia, oltre che l’uomo più importante nella vita di Mabel.

Sennett era un altro predestinato per il cinema e, quando nel giro di un paio d’anni passò a dirigere la neonata casa di produzione di commedie comiche Keystone, Mabel lo seguì come prima attrice. La Keystone poteva vantare una troupe di prim'ordine, comprendente star del calibro di Ford Sterling, Fred Mace, Chester Conklin, Henry Lehrman; presto vi si aggregarono anche Roscoe Arbuckle, Ben Turpin, Charley Chase, Mack Swain, Edgar Kennedy, Slim Summerville, Alice Davenport. Nel 1913 si aggregò al gruppo anche un giovane attore appena giunto dall’Inghilterra in cerca di gloria e ancora sconosciuto, e di cui in seguito la storia del cinema avrebbe avuto di che parlare, Charlie Chaplin.

La bellezza e la bravura di Mabel Normand, unitamente allo spiccato senso del ridicolo, contribuirono al successo dei film da lei interpretati, creando tra lei e il pubblico un rapporto speciale e magnetico, come pochi altri artisti ebbero la fortuna di provare.

Sennett le affidò anche la direzione di diverse pellicole, e Mabel, oltre che interprete fu anche regista e sceneggiatrice dei primi film di Chaplin; insieme formarono una coppia formidabile, per quanto Chaplin l’apprezzasse più come partner che come regista.

Quando Chaplin abbandonò la Keystone, nel 1915, Mabel trovò in Roscoe "Fatty" Arbuckle il nuovo partner con cui dividere la scena. I due già avevano recitato insieme due anni prima in alcuni cortometraggi di successo, come Mabel's New Hero, e la loro felice collaborazione li portò all'apice della creatività farsesca. Allo stesso anno risalgono i loro "shorts" più riusciti: Fatty and Mabel at the San Diego Exposition, Mabel and Fatty's Married Life, The Little Band of Gold e altri.

Fu proprio nel corso del 1915 che Mabel e Sennett giunsero molto vicini a coronare la loro relazione con il matrimonio, ma l'estenuante impegno nel lavoro e, probabilmente, anche le amicizie femminili che Sennett comunque coltivava, contribuirono all'irreparabile allontanamento della celebre coppia.

Nel 1918, dopo aver girato il suo film più importante, Mickey, Mabel si staccò da Sennett anche professionalmente, firmando un contratto quinquennale con Sam Goldwyn, impegno che prevedeva la realizzazione di diciotto film. La carriera della regina della commedia, ormai raggiunto in precedenza il suo apice, si stava già avviando verso il declino, complici la dissolutezza e l'uso di droga. Mabel entrò in crisi e non riuscì a mantenere fede agli accordi presi, tanto che Sennett trattò con Goldwyn il ritorno dell'attrice alla Keystone.

Per Mabel si susseguirono numerosi flirt con amanti occasionali: nel 1922 intrattenne una relazione col direttore della Paramount Pictures, William Desmond Taylor, un affascinante manager dalla reputazione di incallito donnaiolo, condiviso e concupito da più di una donna. Nel pomeriggio inoltrato del 1º febbraio 1922, intorno alle 19.00, Mabel entrò nel bungalow dove Taylor alloggiava, uscendone dopo circa tre quarti d’ora. Poco prima delle 20.00 Taylor fu rinvenuto cadavere, con il petto squarciato da un proiettile. Del delitto, rimasto poi impunito, furono interrogati diversi sospetti: oltre ad alcune amanti di Taylor, anche Mabel fu indiziata quale amante gelosa, oltre a Sennett per via della rivalità con l'ucciso.

Dopo l'enorme ricaduta che ebbe l'evento sull’opinione pubblica, nel 1923 la Normand fu coinvolta in un altro fatto di cronaca: il suo autista personale sparò a un miliardario nel corso di una festa di Capodanno, a cui partecipava anche l'amica rivale Edna Purviance. L'ennesimo scandalo diede il colpo di grazia alla reputazione di Mabel, i cui film iniziarono a essere boicottati.

L'attrice trascorse gli anni del declino afflitta da problemi di salute. Nel corso del 1926 si sposò con l’attore Lew Cody, ma le sue condizioni peggiorarono rapidamente: nell'autunno del 1929 la tubercolosi la costrinse al ricovero in un sanatorio dove, sei mesi più tardi, morì prematuramente all'età di 37 anni.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Mabel Normand ha realizzato oltre 220 film, tra il 1910 e il 1922.

Attrice[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

Sceneggiatrice[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 54340923 LCCN: n82022788