Maarten Schmidt

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Maarten Schmidt (Groninga, 28 dicembre 1929) è un astronomo olandese.

Ha studiato con Jan Hendrik Oort. Ha svolto il suo dottorato all'Osservatorio di Leiden nel 1956. Nel 1959 emigra negli Stati Uniti e lavora al California Institute of Technology. Ha anche lavorato presso gli osservatori di Monte Wilson e Monte Palomar, ed è famoso per le sue ricerche sulla velocità di rotazione della nostra Galassia e sull'origine dello spostamento verso il rosso delle linee spettrali, che lo hanno portato nel 1963 alla scoperta delle radiosorgenti quasi stellari (quasar).

Dal 1978 è membro della National Academy of Sciences [1].

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Nel 1964 ha ricevuto il Premio Helen B. Warner [2]

Nel 1991 Schmidt ha conseguito la medaglia James Craig Watson per i suoi contributi in astronomia.

Nel 1992 ha ricevuto la Medaglia Bruce [3]

Nel 1993 gli è stato assegnato il R.M. Petrie Prize Lecture [4]

Nel 2008 ha ricevuto il Premio Kavli [5]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Member Profile Search
  2. ^ (EN) Helen B. Warner Prize for Astronomy
  3. ^ (EN) The Bruce Medalists
  4. ^ (EN) R.M. Petrie Prize Lecture
  5. ^ (EN) The Kavli Prize Laureates 2008


Controllo di autorità VIAF: 171582223 LCCN: no2011097247