Ormone melanotropo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da MSH (ormone))
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

L'ormone melanotropo (MSH, dall'inglese Melanocyte Stimulating Hormone) è un ormone che viene prodotto nella parte intermedia dell'ipofisi, e agisce sui melanociti cutanei, inducendo la sintesi della melanina e della pigmentazione cutanea, influenzandone l'attività. La sua secrezione è correlata a quella dell'ormone adenocorticotropo, tale da caratterizzare un soggetto patologico per Malattia di Addison ACTH-indipendente (dovuta ad ipofunzionalità del surrene): l'ipofisi risponde correttamente alle basse concentrazioni di glucocorticoidi circolanti, e la sua iperstimolazione causa un'ulteriore secrezione di MSH tale da condurre all'iperpigmentazione di zone sensibili e/o particolarmente esposte.

Funzioni[modifica | modifica sorgente]

L'ormone melanotropo stimola la produzione e il rilascio di melanina (melanogenesi) da parte dei melanociti nella pelle e nei capelli . L'MSH segnala al cervello stimoli rivolti all'appetito e all'eccitazione sessuale.

Sono finora stati identificati cinque tipi di recettori sui quali agisce l'MSH; essi sono i cinque recettori della melanocortina MC1R - MC5R. Questi recettori sono presenti praticamente in ogni organo, rendendo gli effetti dell'MSH diffusi e molteplici; le attività fisiologiche note dell'MSH sono i processi di pigmentazione, infiammazione, omeostasi energetica, appetito e la funzione sessuale.

Le melanocortine espresse nel cervello sono in grado di attraversare la barriera emato-encefalica (BEE) e si legano con i recettori MC3R e MC4R; si pensa che questi svolgano un ruolo fondamentale nell'alimentazione e nel controllo del peso corporeo.

Gli ormoni della melanocortina (MSH) sono espressi nei tessuti periferici quali: testicolo, ovaio, placenta, duodeno, fegato, rene e cute, dove possono determinare una risposta di tipo: paracrino e contemporaneamente autocrina.

Referenze:[1][2][3][4][5] MCR1 MCR2 MCR3 MCR4 MCR5
Espressione Melanoma, melanocita, ghiandole cutanee, follicolo pilifero, testicoli, ipofisi, grigio periacqueduttale, cellule infiammate. Corteccia surrenalica, adipociti, pelle. Cervello, placenta, intestino, cuore, testicoli. Cervello, tessuto adiposo. Surrenali, tessuto adiposo, rene, leucocita, polmone, linfonodi, mammelle, ovaie, testicoli, utero, cervello, muscolo scheletrico, tessuto esocrino.
Funzione Pigmentazione, infiammazione. Steroidogenesi Omeostasi energetica, comportamento sessuale. Regolazione dell’appetito Funzioni esocrine
Agonista alfa-MSH ACTH alfa, beta e gamma-MSH ACTH. alfa e beta-MCH ACTH. alfa-MCH

Gli effetti del legame dell'MSH con i suoi recettori specifici espressi normalmente sui melanociti della pelle, porta alla via di segnalazione intracellulare che coinvolge il calcio come secondo messaggero; provocando la sintesi di melanina da parte dei melanociti in risposta, soprattutto, ai raggi UVA, .

Anfibi[modifica | modifica sorgente]

In alcuni animali (come nella rana Xenopus laevis) la produzione di MSH è aumentata quando l'animale sottoposto a lunga oscurità. Ciò causa una dispersione del pigmento nelle cellule dell'epidermide del rospo, facendolo diventare più scuro, e più difficile da individuare per i predatori. Le cellule del pigmento sono chiamati melanofore e quindi, in anfibi, l'ormone è spesso chiamato melanoforo-stimolante.

Uomo[modifica | modifica sorgente]

Un aumento MSH è causato anche negli esseri umani dallo scuramento. L'ormone melanocita-stimolante aumenta negli esseri umani durante la gravidanza .Questo, insieme con l'aumento degli estrogeni, provoca aumento della pigmentazione nelle donne in gravidanza. La sindrome di Cushing a causa dell'eccesso dell'ormone adrenocorticotropo (ACTH) può anche causare iperpigmentazione, (nigricans) nell'ascella. La maggior parte delle persone con malattia di Addison hanno inscurimento (iperpigmentazione) della pelle, compresi aree cutanee non esposte al sole; siti caratteristici sono le pieghe della pelle (ad esempio delle mani), il capezzolo, e la parte interna della guancia (mucosa buccale), anche le vecchie cicatrici possono pigmentarsi. Ciò si verifica perché melanocita-stimolante (MSH) e ormone adrenocorticotropo (ACTH) condividono la stessa molecola precursore, Pro-opiomelanocortina (POMC).

Diversi livelli di MSH non sono la principale causa di variazione razziale nel colore della pelle. Tuttavia, in molte persone dai capelli rossi, e altre persone che si abbronzano molto, ci sono variazioni nella quantità di recettori ai loro ormoni, ciò provoca una non risposta all'azione dell'ormone MSF plasmatico.

Struttura chimica dell'MSH[modifica | modifica sorgente]

Struktura α-MSH
Struktura β-MSH
Struktura γ-MSH
Derivati della proopiomelanocortina
POMC
     
γ-MSH ACTH β-Lipotropina
       
α-MSH CLIP γ-Lipotropina β-Endorfina
       
    β-MSH  

L'ormone stimolante il melanocita appartiene ad un gruppo chiamato melanocortine. Questo gruppo comprende ACTH, alfa-MSH, beta-MSH e gamma-MSH, questi sono tutti peptidi prodotti dalla scissione di un peptide precursore di grandi dimensioni denominato proopiomelanocortina (POMC). L'alfa-MSH è della melanocortina il più importante per i processi di pigmentazione.

I diversi ormoni melanocita-stimolanti hanno le seguenti sequenze di amino acidi:

α-MSH: Ac-Ser-Tyr-Ser-Met-Glu-His-Phe-Arg-Trp-Gly-Lys-Pro-Val
β-MSH (umano): Ala-Glu-Lys-Lys-Asp-Glu-Gly-Pro-Tyr-Arg-Met-Glu-His-Phe-Arg-Trp-Gly-Ser-Pro-Pro-Lys-Asp
β-MSH (suino): Asp-Glu-Gly-Pro-Tyr-Lys-Met-Glu-His-Phe-Arg-Trp-Gly-Ser-Pro-Pro-Lys-Asp
γ-MSH: Tyr-Val-Met-Gly-His-Phe-Arg-Trp-Asp-Arg-Phe-Gly

MSH sintetici[modifica | modifica sorgente]

Due analoghi sintetici di alfa-MSH sono stati sviluppati per uso umano, sono l'afamelanotide o (Melanotan-1) studiato dalla ClinuvelAustraliana, e la Bremelanotide studiato dalla Palatin Technologies, una società USA del New Jersey.

Afamelanotide[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Afamelanotide.

l'afamelanotide (o CUV1647), è approvato dall'EMA come farmaco orfano per il trattamento dei pazienti con:[6]

Studi molto promettenti ne confermano la validità terapeutiche in una varietà di condizioni mediche anche gravi.[7][8][9][10][11][12][13][14][14][15][16][17][18][19][20]

Bremelanotide[modifica | modifica sorgente]

La bremelanotide, è un agonista della melanocortina, denominato Melanotan II che induce una maggiore libido e migliori erezioni nella maggior parte dei soggetti di sesso maschile studiati e provoca una maggiore eccitazione, per un corrispondente coinvolgimento dei genitali, nella maggior parte dei soggetti di sesso femminile studiati.[21] La bremelanotide (o PT-141), che deriva dalla ricerca del Melanotan II, è stata inizialmente studiata da un'azienda del New Jersey USA per i suoi presunti effetti afrodiasiaci. Questi effetti sono mediati da azioni sull'ipotalamo nei neuroni che esprimono recettori MC3 MC3R e MC4 MC4R .[22][23][24][25][25][26][27][28][29]

Il bremelanotide è un farmaco per via sottocutanea indicato per la disfunzione erettile (DE) e la disfunzione sessuale femminile (FSD). L'indicazione principale per la DE sarà nei pazienti che non rispondono alle terapie attualmente approvate.

Il bremelanotide, un MC4-R peptide agonista sono stati studiati in trials oltre 2.000 pazienti con efficacia certa sia nella ED e che nella FSD. Gli studi hanno dimostrato l'efficacia su una vasta gamma di pazienti, inclusi quelli che non rispondono al trattamento con inibitori della fosfodiesterasi-5 (PDE-5) come il sildenafil. La somministrazione concomitante di bremelanotide con sildenafil ha dimostrato un effetto sinergico, con una risposta migliore rispetto al sildenafil usato da solo.[30] Il bremelanotide può essere, in futuro, un trattamento alternativo per la disfunzione erettile con una base di pazienti potenzialmente ampia.[31]

Studi con la bremelanotide intranasale come terapia di prima linea per la disfunzione sessuale sono stati interrotti per l'aumento della pressione sanguigna nei soggetti trattati.[32] Inoltre, negli USA l'FDA ha pubblicato il 5 settembre 2007 una Warning letter che scoraggia l'uso di: questo prodotto che è commercializzato e venduto illegalmente come prevenzione contro il cancro della pelle e come agente abbronzate,[33] pertanto negli USA l'uso di questo prodotto è illegale.[34]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Melanocortins.
  2. ^ J. Voisey, L. Carroll; A. van Daal, Melanocortins and their receptors and antagonists. in Curr Drug Targets, vol. 4, nº 7, ottobre 2003, pp. 586-97, PMID 14535656.
  3. ^ A. Bertolini, R. Tacchi; AV. Vergoni, Brain effects of melanocortins. in Pharmacol Res, vol. 59, nº 1, gennaio 2009, pp. 13-47, DOI:10.1016/j.phrs.2008.10.005, PMID 18996199.
  4. ^ LM. Fitzgerald, JL. Fryer; T. Dwyer; SM. Humphrey, Effect of MELANOTAN, [Nle(4), D-Phe(7)]-alpha-MSH, on melanin synthesis in humans with MC1R variant alleles. in Peptides, vol. 27, nº 2, febbraio 2006, pp. 388-94, DOI:10.1016/j.peptides.2004.12.038, PMID 16293341.
  5. ^ ME. Hadley, RT. Dorr, Melanocortin peptide therapeutics: historical milestones, clinical studies and commercialization. in Peptides, vol. 27, nº 4, aprile 2006, pp. 921-30, DOI:10.1016/j.peptides.2005.01.029, PMID 16412534.
  6. ^ a b (EN) www.ema.europa.eu.
  7. ^ Q & A's. URL consultato il 26 settembre 2011.
  8. ^ W. von Bartenwerffer, G. Siebenhaar; N. Hunzelmann, Pseudoleucoderma after injections of afamelanotide in a patient with atopic dermatitis. in Acta Derm Venereol, vol. 91, nº 5, settembre 2011, pp. 578-9, DOI:10.2340/00015555-1062, PMID 21597671.
  9. ^ EI. Minder, Afamelanotide, an agonistic analog of α-melanocyte-stimulating hormone, in dermal phototoxicity of erythropoietic protoporphyria. in Expert Opin Investig Drugs, vol. 19, nº 12, dicembre 2010, pp. 1591-602, DOI:10.1517/13543784.2010.535515, PMID 21073357.
  10. ^ AK. Haylett, Z. Nie; M. Brownrigg; R. Taylor; LE. Rhodes, Systemic photoprotection in solar urticaria with α-melanocyte-stimulating hormone analogue [Nle4-D-Phe7]-α-MSH. in Br J Dermatol, vol. 164, nº 2, febbraio 2011, pp. 407-14, DOI:10.1111/j.1365-2133.2010.10104.x, PMID 20969564.
  11. ^ S. Amini, MH. Viera; W. Valins; B. Berman, Nonsurgical innovations in the treatment of nonmelanoma skin cancer. in J Clin Aesthet Dermatol, vol. 3, nº 6, giugno 2010, pp. 20-34, PMID 20725548.
  12. ^ EA. Langan, Z. Nie; LE. Rhodes, Melanotropic peptides: more than just 'Barbie drugs' and 'sun-tan jabs'? in Br J Dermatol, vol. 163, nº 3, settembre 2010, pp. 451-5, DOI:10.1111/j.1365-2133.2010.09891.x, PMID 20545686.
  13. ^ M. Böhm, TA. Luger, [Alpha-melanocyte-stimulating hormone. From bench to bedside]. in Hautarzt, vol. 61, nº 6, giugno 2010, pp. 497-504, DOI:10.1007/s00105-009-1891-1, PMID 20512306.
  14. ^ a b JM. Mazza, JH. Zippin, Alpha-melanocyte stimulating hormone analogues: the perils and the promise. in J Drugs Dermatol, vol. 8, nº 8, agosto 2009, pp. 772-6, PMID 19663117.
  15. ^ J. Harms, S. Lautenschlager; CE. Minder; EI. Minder, An alpha-melanocyte-stimulating hormone analogue in erythropoietic protoporphyria. in N Engl J Med, vol. 360, nº 3, gennaio 2009, pp. 306-7, DOI:10.1056/NEJMc0805682, PMID 19144952.
  16. ^ A. Tomillero, MA. Moral, Gateways to clinical trials. in Methods Find Exp Clin Pharmacol, vol. 31, nº 8, ottobre 2009, pp. 541-57, PMID 19967103.
  17. ^ ZA. Abdel-Malek, AL. Kadekaro; VB. Swope, Stepping up melanocytes to the challenge of UV exposure. in Pigment Cell Melanoma Res, vol. 23, nº 2, aprile 2010, pp. 171-86, DOI:10.1111/j.1755-148X.2010.00679.x, PMID 20128873.
  18. ^ JC. García-Borrón, BL. Sánchez-Laorden; C. Jiménez-Cervantes, Melanocortin-1 receptor structure and functional regulation. in Pigment Cell Res, vol. 18, nº 6, dicembre 2005, pp. 393-410, DOI:10.1111/j.1600-0749.2005.00278.x, PMID 16280005.
  19. ^ J. Sánchez-Más, BL. Sánchez-Laorden; LA. Guillo; C. Jiménez-Cervantes; JC. García-Borrón, The melanocortin-1 receptor carboxyl terminal pentapeptide is essential for MC1R function and expression on the cell surface. in Peptides, vol. 26, nº 10, ottobre 2005, pp. 1848-57, DOI:10.1016/j.peptides.2004.11.030, PMID 15993512.
  20. ^ F. Rouzaud, AL. Kadekaro; ZA. Abdel-Malek; VJ. Hearing, MC1R and the response of melanocytes to ultraviolet radiation. in Mutat Res, vol. 571, 1-2, aprile 2005, pp. 133-52, DOI:10.1016/j.mrfmmm.2004.09.014, PMID 15748644.
  21. ^ Hadley ME, Discovery that a melanocortin regulates sexual functions in male and female humans in Peptides, vol. 26, nº 10, ottobre 2005, pp. 1687–9, DOI:10.1016/j.peptides.2005.01.023, PMID 15996790.
  22. ^ R. Kumar, A. Nehra, Central nervous system agents and erectile dysfunction. in Urol Clin North Am, vol. 38, nº 2, maggio 2011, pp. 165-73, DOI:10.1016/j.ucl.2011.03.006, PMID 21621083.
  23. ^ A. Tomillero, MA. Moral, Gateways to clinical trials. in Methods Find Exp Clin Pharmacol, vol. 30, nº 8, ottobre 2008, pp. 643-72, PMID 19088949.
  24. ^ WJ. Hellstrom, Clinical applications of centrally acting agents in male sexual dysfunction. in Int J Impot Res, 20 Suppl 1, luglio 2008, pp. S17-23, DOI:10.1038/ijir.2008.18, PMID 18552830.
  25. ^ a b MR. Safarinejad, SY. Hosseini, Salvage of sildenafil failures with bremelanotide: a randomized, double-blind, placebo controlled study. in J Urol, vol. 179, nº 3, marzo 2008, pp. 1066-71, DOI:10.1016/j.juro.2007.10.063, PMID 18206919.
  26. ^ KL. Aughton, K. Hamilton-Smith; J. Gupta; JS. Morton; CP. Wayman; VM. Jackson, Pharmacological profiling of neuropeptides on rabbit vaginal wall and vaginal artery smooth muscle in vitro. in Br J Pharmacol, vol. 155, nº 2, settembre 2008, pp. 236-43, DOI:10.1038/bjp.2008.253, PMID 18587425.
  27. ^ CC. Carson, Central nervous system-acting agents and the treatment of erectile and sexual dysfunction. in Curr Urol Rep, vol. 8, nº 6, novembre 2007, pp. 472-6, PMID 18042327.
  28. ^ J. Pfaus, F. Giuliano; H. Gelez, Bremelanotide: an overview of preclinical CNS effects on female sexual function. in J Sex Med, 4 Suppl 4, novembre 2007, pp. 269-79, DOI:10.1111/j.1743-6109.2007.00610.x, PMID 17958619.
  29. ^ LE. Diamond, DC. Earle; JR. Heiman; RC. Rosen; MA. Perelman; R. Harning, An effect on the subjective sexual response in premenopausal women with sexual arousal disorder by bremelanotide (PT-141), a melanocortin receptor agonist. in J Sex Med, vol. 3, nº 4, luglio 2006, pp. 628-38, DOI:10.1111/j.1743-6109.2006.00268.x, PMID 16839319.
  30. ^ (EN) www.palatin.com - Bremelanotide Fact Sheet.
  31. ^ MR. Safarinejad, SY. Hosseini, Salvage of sildenafil failures with bremelanotide: a randomized, double-blind, placebo controlled study. in J Urol, vol. 179, nº 3, marzo 2008, pp. 1066-71, DOI:10.1016/j.juro.2007.10.063, PMID 18206919.
  32. ^ (EN) Palatin Technologies - Bremelanotide for Sexual Dysfunction.
  33. ^ FDA Issues Warning Letter to Melanocorp, Inc. For Illegal Sale of Melanotan II. URL consultato il 26 settembre 2011.
  34. ^ (EN) www.fda.gov, pp. 4-10. URL consultato il 26 settembre 2011.


Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]