MGM Channel

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
MGM Channel
The MGM Channel.png
Paese Stati Uniti Stati Uniti
Lingua italiano e inglese (doppio audio)
Tipo tematico
Target giovani, adulti
Data di lancio 1999
1º giugno 2008 (Italia)
7 dicembre 2006 (MGM HD) (Polonia)
10 ottobre 2007 (MGM HD) (USA)
Data chiusura 31 agosto 2012 (Italia)
Formato 480i (SDTV)
576i (SDTV)
1080i (HDTV)
Editore MGM Networks
Sito www.mgmchannel.com
Diffusione
Satellite
Digiturk Canale 10
SKY Network Television Canale 023
TrueVisions Thailandia Canale 46
Indovision Indonesia Canale 18
TotalTV Serbia Canale 39
TotalTV Montenegro Canale 33
TotalTV Bosnia ed Erzegovina Canale 34
TotalTV Croazia Canale 13
TotalTV Macedonia Canale 36
yes Israele Canale 7/507
Tata Sky India Canale 355
Sky Television Asia Canale 17
SKY Brasil Brasile Canale 67
Sky Deutschland Canale 317
UPC Direct Ungheria Canale 71
DirecTV Canale 562 (HD)
N Canale 32 (HD)
Dish Network Canale 385 (HD)
BSkyB Canale 313 (HD)
Via cavo
LBN Cable TV Sri Lanka Canale
UPC Ireland Canale 325/326 (HD)
UPC Romania Canale 106
First Media Indonesia Canale 293
SkyCable Filippine Canale 106
Global Destiny Cable Filippine Canale 41
Parasat Cable TV Filippine Canale 323
StarHub TV Singapore Canale 615
HOT Israele Canale 26/507 (HD)
UPC Netherlands Paesi Bassi Canale 108

MGM Channel è un canale televisivo tematico a pagamento edito da MGM Networks (una sussidiaria della Metro-Goldwyn-Mayer Studios) e dedicato al cinema.

Presente in molti Paesi del mondo in edizione localizzata, in Italia MGM Channel è sbarcato sulla piattaforma televisiva Sky al canale 320 il 1º giugno 2008 in sostituzione di Studio Universal.[1] Il canale ha cessato le sue trasmissioni il 31 agosto 2012.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

MGM Channel ha iniziato le trasmissioni sul canale 320 della piattaforma Sky il 1º giugno 2008 all'una di notte, dopo circa un'ora di silenzio audio in cui veniva mostrato un cartello fisso con il logo di Studio Universal. Per tutta la notte e il giorno successivo è stato trasmesso lo stesso promo in loop fino alle 21 del 1º giugno quando è andato in onda il primo film, Un pesce di nome Wanda. Dal 1º dicembre 2009 il canale è stato trasmesso in formato panoramico 16:9. Il canale ha cessato le sue trasmissioni il 31 agosto 2012. Dal 28 settembre una parte della library di MGM viene ospitata sul canale Sky Cinema Classics all'interno del blocco televisivo MGM Gold.

Programmazione[modifica | modifica wikitesto]

Su MGM Channel venivano programmati film tratti dal catalogo della casa di produzione cinematografica statunitense Metro-Goldwyn-Mayer. Principalmente film degli anni settanta, ottanta e novanta, ma in misura minore anche pellicole degli anni cinquanta e sessanta. MGM offriva un palinsesto studiato in blocchi giornalieri e settimanali per soddisfare i gusti e le aspettative dei diversi telespettatori. Un mix di successo con le migliori produzioni di Hollywood e non solo, che spaziano ogni genere -azione, thriller, commedie, romantici, Western, horror- dai successi al botteghino a classici imperdibili. In più, ogni mese venivano programmati eventi tematici e appuntamenti speciali, con tanti cicli di film dedicati ad attori e registi leggendari: da Audrey Hepburn a Meryl Streep, da Fritz Lang a Woody Allen. Dalle dive di ieri, che sono diventate vere icone della celluloide, alle superstar di oggi, MGM offre tutta la magia del grande cinema ogni giorno, fedele alla filosofia Metro-Goldwyn-Mayer: "Grandi star, grandi registi, grandi sceneggiature, grandi attori".

Altre edizioni[modifica | modifica wikitesto]

MGM Channel è disponibile in vari Paesi del mondo in edizione localizzata: negli Stati Uniti su DirecTV, nelle Filippine su SkyCable e Global Destiny Cable, in Thailandia su TrueVisions, in India su Dish TV, nel Medio Oriente e Nord Africa su Orbit Network, a Singapore su StarHub CableTV, in Romania su Focus Sat e in Germania su Sky Deutschland.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ È tempo di MGM Channel | CineTivu

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione