M77 (astronomia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
M77
Galassia spirale
Immagine di “M77”
Immagine di “M77”
Scoperta
Scopritore Pierre Méchain
Anno 1780
Dati osservativi
(epoca J2000)
Costellazione Balena
Ascensione retta 02h 42m 40,7s [1]
Declinazione −00° 00′ 48″[1]
Distanza 47 milioni a.l.
(14,4 milioni pc)
Magnitudine apparente (V) 9,6
Dimensione apparente (V) 7′,1 × 6′,0
Velocità radiale 1137 km/s
Caratteristiche fisiche
Tipo Galassia spirale
Classe (R)SA(rs)b[1]
Altre designazioni
NGC 1068, UGC 2188, PGC 10266, Arp 37[1]
Categoria di galassie spirali

M 77 (nota anche come NGC 1068) è una galassia spirale visibile nella costellazione della Balena.

Osservazione[modifica | modifica sorgente]

Mappa per individuare M77.

M77 si individua con facilità, trovandosi ad appena 0,5° a sudest della stella δ Ceti; può essere scorta con un binocolo potente, come un 11×80, o anche in un 10×50 se la notte è particolarmente nitida. In un telescopio fino a 200 mm di apertura si mostra come un semplice dischetto chiaro senza particolari strutture caratteristiche, se si esclude che è sfumata ai bordi; con molte difficoltà si possono osservare i bracci di spirale e il loro andamento.[2]

M77 può essere osservata da tutte aree popolate della Terra, grazie al fatto che è situata praticamente sopra l'equatore celeste; non esiste pertanto un emisfero privilegiato per la sua osservazione e dalle coppie di latitudini simili dei due emisferi l'oggetto si presenta quasi alla stessa altezza nel cielo. Mentre dall'emisfero nord è un oggetto dei cieli autunnali, dall'emisfero sud è caratteristico dei mesi primaverili.[3] Il periodo migliore per la sua osservazione nel cielo serale è quello compreso fra ottobre e febbraio.

Storia delle osservazioni[modifica | modifica sorgente]

M77 fu scoperta da Pierre Méchain nel 1780, il quale la descrisse all'epoca come una nebulosa; Méchain comunicò in seguito la sua scoperta a Charles Messier, che inserì l'oggetto nel suo celebre catalogo.[4] Sia Messier che William Herschel la descrissero come un ammasso di stelle.[4] Oggi si sa che si tratta di una galassia.

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

M77, immagine amatoriale. Hunter Wilson.

M77 è distante circa 47 milioni di anni luce; si tratta di una galassia attiva il cui nucleo è oscurato nelle lunghezze d'onda visibili a causa della polvere interstellare. Il diametro del disco molecolare e del plasma caldo associato con la materia oscurante è stato misurato inizialmente alle onde radio; la polvere calda attorno al nucleo fu in seguito misurata dal very Large Telescope, si tratta della galassia di Seyfert più luminosa[5] ed è di tipo 2.[6] Il suo diametro è stimato essere di 170 000 a.l.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d NASA/IPAC Extragalactic Database in Results for NGC 1068. URL consultato il 18 novembre 2006.
  2. ^ Federico Manzini, Nuovo Orione - Il Catalogo di Messier, 2000.
  3. ^ Una declinazione di 0° equivale ad una distanza angolare dai due poli celesti di 90°; dunque ai due poli si presenta sulla linea dell'orizzonte, mentre all'equatore si può mostrare allo zenit.
  4. ^ a b K. G. Jones, Messier's Nebulae and Star Clusters, 2nd, Cambridge, Cambridge University Press, 1991, ISBN 0-521-37079-5.
  5. ^ Gérard de Vaucouleurs, Southern Galaxies.VI. Luminosity Distribution in the Seyfert Galaxy NGC 1566 in Astrophysical Journal, vol. 181, 1º aprile 1973, pp. 31–50, DOI:10.1086/152028.
  6. ^ Pattern Speeds BIMA-SONG Galaxies with Molecule-Dominated ISMs Using the Tremaine-Weinberg Method in Bland-Hawthorn et al. (1997). URL consultato il 31 agosto 2006.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Libri[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) Stephen James O'Meara, Deep Sky Companions: The Messier Objects, Cambridge University Press, 1998, ISBN 0-521-55332-6.

Carte celesti[modifica | modifica sorgente]

  • Toshimi Taki, Taki's 8.5 Magnitude Star Atlas, 2005. - Atlante celeste liberamente scaricabile in formato PDF.
  • Tirion, Rappaport, Lovi, Uranometria 2000.0 - Volume I - The Northern Hemisphere to -6°, Richmond, Virginia, USA, Willmann-Bell, inc., 1987, ISBN 0-943396-14-X.
  • Tirion, Sinnott, Sky Atlas 2000.0 - Second Edition, Cambridge, USA, Cambridge University Press, 1998, ISBN 0-933346-90-5.
  • Tirion, The Cambridge Star Atlas 2000.0, 3ª ed., Cambridge, USA, Cambridge University Press, 2001, ISBN 0-521-80084-6.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]



Orion Nebula - Hubble 2006 mosaic 18000.jpg    New General Catalogue:    NGC 1066  •  NGC 1067  •  NGC 1068  •  NGC 1069  •  NGC 1070