M39 (cannone)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
M39
Un M39 installato nel muso di un F-5 brasiliano
Un M39 installato nel muso di un F-5 brasiliano
Tipo cannone automatico aeronautico
Origine Stati Uniti Stati Uniti
Impiego
Conflitti Guerra di Corea
Produzione
Data progettazione tardi anni '40
Costruttore Springfield Armory
Entrata in servizio 1952
Ritiro dal servizio ancora in uso
Descrizione
Peso 81 kg
Calibro 20 mm
Munizioni 20 mm × 102 mm
Peso proiettile 101 g
Numero canne 1
Cadenza di tiro 1500 colpi/min
Velocità alla volata 1030 m/s
Alimentazione tamburo rotante da 5 celle

[senza fonte]

voci di armi d'artiglieria presenti su Wikipedia

L'M39 è un cannone automatico di tipo revolver con derivazione diretta dal Mauser MG 213 tedesco.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il M39 fu sviluppato dalla Springfield Armory, ispirandosi al cannone tedesco della seconda guerra mondiale Mauser MG 213, da 20 mm (e 30 mm) creato per la Luftwaffe, che non vide impiego operativo. Fu scelto il calibro minore (20 mm) per incrementare la cadenza di tiro a scapito della potenza.[1]

Denominato inizialmente T-160, fu installato in alcuni esemplari di F-86 Sabre nell'ambito del programma "GunVal" del tardo 1952, ed usato in battaglia in Corea all'inizio del 1953. Fu conseguentemente adottato come armamento standard del F-86H, F-100 Super Sabre, F-101A Voodoo, e del F-5 Freedom Fighter. Le versioni attuali (2000) del F-5 Tiger II utilizzano ancora la versione M39A2 che fu introdotta nel 1964.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Jane's Ammunition Handbook, Coulsdon: Jane's Information Group Ltd., 1993, p. 40.
  2. ^ Jane's Air Launched Weapons, Coulsdon: Jane's Information Group Ltd., 2000, p. 602.