Mélanie Suchet

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mélanie Suchet
Dati biografici
Nazionalità Francia Francia
Altezza 162 cm
Peso 65 kg
Sci alpino Alpine skiing pictogram.svg
Dati agonistici
Specialità Discesa libera, supergigante
Squadra Club Ski les Meunuires 73
Ritirata 2004
Palmarès
Mondiali juniores 1 0 0
Per maggiori dettagli vedi qui
Automobilismo Casco Kubica BMW.svg
Dati agonistici
Specialità Rally
Statistiche aggiornate al novembre 2010

Mélanie Suchet (Moûtiers, 1º settembre 1976) è una pilota automobilistica ed ex sciatrice alpina francese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Carriera sciistica[modifica | modifica wikitesto]

Stagioni 1993-1994[modifica | modifica wikitesto]

Specialista delle gare veloci originaria di Les Menuires, Mélanie Suchet debuttò in campo internazionale il 4 marzo 1993 ai Mondiali juniores di Monte Campione, in Italia, giungendo 34ª in slalom speciale. Nel dicembre dello stesso anno ottenne il primo risultato di rilievo in Coppa del Mondo sulle nevi di casa di Tignes piazzandosi 10ª in discesa libera.

Il 29 gennaio 1994, a Garmisch-Partenkirchen in Germania, conquistò il suo primo podio in Coppa, il 2º posto in discesa libera dietro all'italiana Isolde Kostner nella gara funestata dal gravissimo incidente che costò la vita all'austriaca Ulrike Maier. Venne convocata per i XVII Giochi olimpici invernali di Lillehammer 1994, in Norvegia, dove concluse 6ª nella discesa libera e 20ª nel supergigante; sempre nel 1994 si aggiudicò la medaglia d'oro nella discesa libera ai Mondiali juniores di Lake Placid, negli Stati Uniti.

Stagioni 1995-2002[modifica | modifica wikitesto]

Nelle stagioni seguenti i suoi risultati furono altalenanti, tanto che gareggiò spesso in Coppa Europa anziché in Coppa del Mondo, finché il 23 gennaio 1998 vinse la sua unica gara di Coppa del Mondo in carriera a Cortina d'Ampezzo, in Italia, in supergigante. Partecipò anche ai XVIII Giochi olimpici invernali di Nagano 1998, in Giappone, con buoni risultati: 4ª nella discesa libera e 8ª nel supergigante.

Nel 1999 ottenne il 6º posto in discesa libera e il 16º in supergigante ai Mondiali di Vail/Beaver Creek negli Stati Uniti, sua prima partecipazione iridata. Fu al cancelletto di partenza anche ai XIX Giochi olimpici invernali di Salt Lake City 2002, dove giunse 15ª nella discesa libera e 10ª nel supergigante. Il 6 marzo 2002 ad Altenmarkt, in Austria, conquistò l'ultimo podio in Coppa del Mondo, piazzandosi terza in discesa alle spalle dell'austriaca Michaela Dorfmeister e della statunitense Caroline Lalive, e il 21 marzo si laureò campionessa francese di discesa a Megève.

Stagioni 2003-2004[modifica | modifica wikitesto]

Anche ai Mondiali di Sankt Moritz 2003 gareggiò in discesa libera e supergigante, classificandosi rispettivamente 14ª e 26ª. Nel 2003 a Les Menuires vinse il titolo nazionale sia in discesa libera sia in supergigante.

Nel 2004 a Les Carroz si aggiudicò il suo quarto titolo nazionale, in discesa libera. Terminò l'attività agonistica il 3 dicembre 2004 concludendo 46ª la discesa libera di Coppa del Mondo disputata a Lake Louise, in Canada.

Carriera automobilistica[modifica | modifica wikitesto]

Dopo il ritiro si è dedicata alle competizioni rallistiche insieme all'ex compagnia di squadra Carole Montillet[1].

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Automobilismo[modifica | modifica wikitesto]

Sci alpino[modifica | modifica wikitesto]

Mondiali juniores[modifica | modifica wikitesto]

Coppa del Mondo[modifica | modifica wikitesto]

  • Miglior piazzamento in classifica generale: 13ª nel 1998
  • 7 podi:
    • 1 vittoria (in supergigante)
    • 4 secondi posti
    • 2 terzi posti
Coppa del Mondo - vittorie[modifica | modifica wikitesto]
Data Località Paese Specialità
23 gennaio 1998 Cortina d'Ampezzo Italia Italia SG

Legenda:
SG = supergigante

Campionati francesi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (FR) Pierre Orlac'h, Carole Montillet: "Le Rallye Aïcha des Gazelles est plus dur que le Dakar" in Les dessous du sport, 8 marzo 2009. URL consultato il 12 luglio 2010.
  2. ^ (EN) Profilo FIS (dati parziali). URL consultato il 12 agosto 2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]