Lystrosaurus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Lystrosaurus
Lystrosaurus
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Synapsida
Infraclasse Archosauromorpha
Ordine Therapsida
Sottordine Anomodontia
Infraordine Dicynodontia
Famiglia Lystrosauridae
Genere Lystrosaurus
Specie
  • Lystrosaurus curvatus
  • Lystrosaurus declivus
  • Lystrosaurus mccaigi
  • Lystrosaurus murrayi
  • Lystrosaurus oviceps
  • Lystrosaurus platyceps

Il listrosauro (gen. Lystrosaurus) è un terapside erbivoro vissuto nel Triassico inferiore, circa 250 milioni di anni fa, in parti del mondo che attualmente corrispondono ad Antartide, India, Cina e Sudafrica.

Un "rettile - maiale"[modifica | modifica wikitesto]

Questo animale era molto comune, e faceva parte di un gruppo di animali, i sinapsidi, che comprendevano gli antenati degli attuali mammiferi. Molto spesso questo gruppo è chiamato "rettili-mammiferi". In particolare, il listrosauro era un dicinodonte ("due denti da cane"). I listrosauri erano animali dalla corporatura robusta e dal corpo simile a un barile, di taglia media e lunghi circa un metro. In sostanza, il loro aspetto ricordava alla lontana quello dei maiali, con zampe molto forti. I loro denti erano ridotti a due lunghe zanne sporgenti dalla mascella superiore, che formava una sorta di becco simile a quello delle tartarughe. Originariamente si pensava che il listrosauro fosse un animale semiacquatico, ma nuove prove hanno condotto a pensare che questo terapside vivesse in ambienti semidesertici, molto comuni a quel tempo.

Successo evolutivo[modifica | modifica wikitesto]

Il listrosauro è notevole per il fatto che è stato rinvenuto in diversi continenti ed è vissuto per svariati milioni di anni. Nel Triassico inferiore, appena dopo la grande estinzione di fine Permiano, il listrosauro fu l'erbivoro più diffuso sul pianeta. Questa fu l'unica occasione in cui la Terra venne dominata da una singola specie animale a un grado così elevato.

La scoperta di scheletri di listrosauro nei Monti Transantartici da parte di Edwin H. Colbert e dalla sua squadra a cavallo tra il 1969 e il 1970 confermò la teoria della tettonica a zolle e convinse anche gli ultimi dubbiosi, dal momento che altri resti di Lystrosaurus erano stati rinvenuti anche in Sudafrica, India e Cina. Di Lystrosaurus si conoscono molte specie, tra le quali le più note sono L. mccaigi, L. curvatus e L. murrayi.

Galleria[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Surkov, M.V., Kalandadze, N.N., and Benton, M.J. (June 2005). "Lystrosaurus georgi, a dicynodont from the Lower Triassic of Russia" (PDF). Journal of Vertebrate Paleontology 25 (2): 402–413. doi:10.1671/0272-4634(2005)025[0402:LGADFT]2.0.CO;2. http://palaeo.gly.bris.ac.uk/benton/reprints/2005lystrosaurus.pdf.
  • Grine, F.E., Forster, C.A., Cluver, M.A. & Georgi, J.A. (2006), "Cranial variability, ontogeny and taxonomy of Lystrosaurus from the Karoo Basin of South Africa", Amniote paleobiology. Perspectives on the Evolution of Mammals, Birds, and Reptiles,, University of Chicago Press, pp. 432–503
  • Botha, J., and Smith, R.M.H. (2007). "Lystrosaurus species composition across the Permo–Triassic boundary in the Karoo Basin of South Africa". Lethaia 40: 125–137.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]